/ Attualità

Attualità | 14 settembre 2020, 10:45

Il governatore Cirio accompagna i figli a scuola: "Febbre misurata, certificazione firmata"

Il presidente regionale torna all'attacco della Azzolina: "Dirigenti scolastici più avanti di certi ministeri". Ma non tutti si sono adeguati alla sua ordinanza

Il governatore Cirio accompagna i figli a scuola: "Febbre misurata, certificazione firmata"

"In casa Cirio ci si prepara per andare a scuola... febbre misurata, certificazione firmata...".

Così, con un post sui suoi canali social, anche il presidente della Giunta regionale Alberto Cirio ha voluto salutare la ripresa delle lezioni in Piemonte.

Il governatore non ha voluto mancare all’appuntamento con la prima campanella dei suoi due figli, iscritti in altrettanti istituti albesi, esprimendo anche soddisfazione per l’organizzazione con la quale, per quanto ha potuto verificare in prima persona, i dirigenti scolastici si sarebbero adeguati all’ordinanza sulla misurazione delle temperatura, sulla richiesta alle famiglie di presentare apposita autocertificazione e agli istituti di provvedere direttamente per gli alunni sprovvisti.

"Ho voluto toccare con mano quanto già sapevo. Ovvero che il mondo della scuola, gli operatori, i dirigenti, i professori, sono molto più avanti di qualche Ministero", ha dichiarato il governatore alla stampa, ritornando sulla polemica che nei giorni scorsi l’ha contrapposto alla responsabile dell’Istruzione nel Governo Conte, Lucia Azzolina, anche se non mancano le segnalazioni di numerosi casi nei quali, anche in Granda, le scuole non si sarebbero adeguate alla richiesta arrivata mercoledì scorso da Piazza Castello.

Dopo il passaggio albese, la mattinata nelle scuole del governatore proseguirà nel Torinese, tra Campiglione Fenile e Cumiana, per concludersi poi al polo scolastico dell’Ospedale Infantile "Regina Margherita" di Torino.

Redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium