/ Scuole e corsi

Scuole e corsi | 16 settembre 2020, 18:57

Atletica ed esercizi di corpo libero all'aperto: eccome ricominciano le lezioni di educazione fisica all’Arimondi Eula

Durante i mesi invernali le attività si sposteranno al Pala Ferrua e al Palazzetto dello Sport. De Lio: “Bello rivedere i ragazzi, ma sarà dura. Spero al più presto si possa tornale alla normalità”

Atletica ed esercizi di corpo libero all'aperto: eccome ricominciano le lezioni di educazione fisica all’Arimondi Eula

Lezioni di educazione fisica un po' diverse quest'anno all’Arimondi Eula di Savigliano. A raccontare come si svolgono al rientro e nel rispetto delle norme anticovid, è il docente Lillo De Lio

“E’ stato bello rivedere gli occhi dei ragazzi - esordisce il professore - certo possiamo fare solamente alcune attività, ma è importante far uscire e respirare i ragazzi”. 

Con il tempo ancora bello e stabile le lezioni si svolgono al campo sportivo di piazza d’Armi dove è più facile mantenere la distanza di sicurezza e non è necessario utilizzare degli attrezzi: “Facciamo qualche esercizio di stretching per iniziare, poi qualche giro di corsa e ancora qualche esercizio di corpo libero e stretching per finire. Non possiamo utilizzare gli attrezzi perché si dovrebbero sanificare ogni volta, ma con gli esercizi di pre atletica, atletica e corpo libero siamo riusciti già a fare molto”. 

Per i ragazzi dell’Arimondi Eula non sarà poi un problema proseguire con le lezioni anche durante i mesi autunnali e invernali, ormai alle porte. “Per fortuna siamo dotati di due palestre - spiega Delio - Una è quella del Pala Ferrua, dove porteremo solo gruppi piccoli da 15 o 16 studenti massimo, poi abbiamo il Palazzetto dello Sport, dove sono presenti due grandi palestre in cui potremo portare fino a 30 ragazzi, tenendo tranquillamente i due metri di distanza di sicurezza. Dobbiamo solo capire come fare per gli spogliatoi, si dovrà individuare un ambiente in cui gli studenti possano cambiarsi prima di entrare e uscire dalle palestre, ma per il resto siamo pronti. Svolgeremo le stesse attività di atletica e corpo libero che facciamo all’esterno e potremo anche abbinarci qualche lavoro con la palla visto che ne avremo a sufficienza per tutti”. 

Non nasconde un po’ di rammarico per il del tutto straordinario rientro a scuola. “E’ una situazione difficile, ma il nostro dirigente scolastico, insieme a tutti i docenti e al personale, ha fatto un lavoro egregio. All’interno abbiamo le classi divise per colori, la segnaletica, addirittura il plexiglas davanti alle cattedre. Io ero all’ingresso il primo giorno e ripeto è stato bello poter rivedere i ragazzi, al tempo stesso temo sarà comunque dura specialmente dal punto di vista psicologico. Spero che al più presto potremo tornare alla normalità”. 

Chiara Gallo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium