/ Attualità

Attualità | 17 settembre 2020, 14:20

All'ospedale Santa Croce e Carle di Cuneo nessun paziente in terapia intensiva per Covid

Agli infettivi, invece, i pazienti ricoverati sono quattro, di cui due lavoratori stagionali e una persona rientrata da un viaggio

Un reparto di terapia intensiva Covid

Un reparto di terapia intensiva Covid

"La situazione nell'ospedale di Cuneo è tranquilla, abbiamo quattro ricoverati nel raperto infettivi Covid, ma è comunque un segnale di ciò che accadrà. Dobbiamo rpepararci a gestire i focolai, che ci saranno, come sta accadendo in altre zone d'Italia. Indossare la mascherina resta fondamentale e sono soprattutto i giovani a doverlo capire, perché in questo momento sono il principale veicolo di contagio".

A dirlo il dottor Valerio Del Bono, primario di Malattie infettive dell'ospedale di Cuneo. Dei quattro ricoverati nel suo reparto, al Carle, due sono lavoratori stagionali, giovani stranieri, una persona è un contagio importato da un viaggio e un'altra è cuneese. 

"Ci sono altri nosocomi maggiormente sotto pressione, ci aspettiamo che i numeri crescano anche qui. Per ora non ci sono ricoverati per Covid nella terapia intensiva, non c'è ancora stata una recrudescenza dei casi o una seconda ondata, ma non possiamo illuderci che non succeda. Resta fondamentale, lo ribadisco, l'uso della mascherina. E poi l'isolamento dei focolai", continua Del Bono.

Nelle settimane più difficili, a marzo e aprile, nei 156 letti attivati tra le due sedi ospedaliere di Cuneo, i ricoveri sono stati oltre 400. In terapia intensiva (21 posti dedicati al Covid) sono stati circa 80 i ricoverati. Siamo quindi lontanissimi da quei numeri, ma l'attenzione deve restare altissima, soprattutto in vista dei prossimi mesi. 

Il primario, sui vaccini e sulla loro utilità, non è così ottimista. "Non si riesce a capire fino a che punto siano in grado di proteggerci, quale immunità garantiscano. Come stanno dicendo in tanti, ragionevolmente, dovremo abituarci a convivere con il Coronavirus per almeno qualche anno".

Barbara Simonelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium