/ Politica

Politica | 19 settembre 2020, 18:13

Il sindaco Costa lascia. Santo Stefano Roero verso il commissariamento

Motivi personali alla base della decisione. All’indomani del suo insediamento le contestazioni della Corte dei Conti sui passati bilanci del Comune e il complesso lavoro per arrivare al piano di rientro approvato lo scorso 30 giugno

Il sindaco Giuseppe Costa: le sue dimissioni diverranno definitive il prossimo 27 settembre

Il sindaco Giuseppe Costa: le sue dimissioni diverranno definitive il prossimo 27 settembre

E’ durato poco più di quindici mesi il mandato da sindaco di Giuseppe Costa, eletto alla guida del Comune di Santo Stefano Roero nella tornata amministrativa del maggio 2019.

Settantatré anni, in pensione dopo una carriera da informatico all’interno dell’Istituto bancario San Paolo, Costa ha infatti deciso di rassegnare le proprie dimissioni dall’incarico.

Un passo formalizzato lo scorso 7 settembre e che diverrà effettivo a partire da domenica 27, data dopo la quale, con la contestuale decadenza di Giunta e Consiglio, nel Municipio del piccolo centro roerino arriverà un commissario inviato dalla Prefettura.

Alla base della decisione vi sono motivazioni personali, ci spiega lo stesso interessato, da noi raggiunto telefonicamente, non negando come sulla stessa abbia avuto un peso determinante la complessa vicenda legata al dissesto che all’indomani del suo insediamento ha investito il Municipio roerino, chiamato dalla Corte dei Conti a ripianare un buco da 1,3 milioni di euro per una serie di incongruenze nei bilanci relativi a precedenti esercizi.

"La necessità di affrontare quella situazione, come anche l’emergenza Covid successivamente – spiega Costa –, ha richiesto un grande impegno di tempo ed energie, ben diverso da quello che avevo messo in conto quando accettai la possibilità di assumere questo incarico. Per senso di responsabilità ho ritenuto di non tirarmi indietro. Da allora abbiamo lavorato intensamente per tamponare la situazione, evitando il commissariamento e predisponendo un piano di rientro che per quanto possibile tenesse conto delle esigenze del nostro piccolo comune".

"Ora che quella fase di emergenza è superata e che lo scorso 30 giugno abbiamo approvato in modo definitivo il piano - prosegue il sindaco dimissionario  – ho pensato che fosse giusto tornare a dedicare maggior tempo alla mia famiglia, vista anche un’età non più giovanissima, e di farlo con una tempistica che consentisse a forze più giovani di organizzarsi per mettere insieme una squadra che possa arrivare pronta in tempo per la prossima finestra elettorale".

Ezio Massucco

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium