/ Saluzzese

Saluzzese | 24 settembre 2020, 16:45

Saluzzo, in ricordo di Manuela Bertolini, una raccolta fondi per l’Ospedale di Saluzzo da parte del Comitato Artiglieri Aosta

Era la moglie del Colonello Bertolini, che visse con lei a Saluzzo alcuni anni della carriera militare. “Abbiamo bisogno di storie di amore e amicizie come queste, come del sostegno del nostro ospedale" sottolinea Damiano presidente Officina Idee

I militari del Comitato Artiglieri Aosta consegnano l'importo della raccolta fondi in ricordo di Manuela Bertolini, all'Officina delle Idee per l'Ospedale di Saluzzo

I militari del Comitato Artiglieri Aosta consegnano l'importo della raccolta fondi in ricordo di Manuela Bertolini, all'Officina delle Idee per l'Ospedale di Saluzzo

 

In ricordo di una donna: Manuela Bertolini recentemente scomparsa per Covid alle Molinette di Torino, il Comitato “Artiglieri dell’Aosta” ha promosso una raccolta fondi a favore dell’Officina delle Idee per l’Ospedale di Saluzzo.

Una storia triste, ma una bella storia d’amore e di amicizia, fatta conoscere dal marito il Colonnello Antonio Bertolini,  di origini toscane, che da ufficiale passò  alcuni anni con lei a Saluzzo.

E’ anche lui membro affezionato del Comitato composto da militari che hanno prestato servizio negli anni '70 sia a Saluzzo che a Fossano, alla caserma “Perotti” dall'anno (il 1991) in cui il Gruppo Aosta venne trasferito dalla Caserma “Musso” di  piazza Montebello. Il gruppo  ha consegnato ieri mattina, davanti all’ospedale,  l’importo raccolto.

Erano presenti il dottor Paolo Costantini della Medicina Interna, il caposala Galeasso, il presidente dell'Officina delle Idee Giovanni Damiano, i Generali Marino Tabiani e Giacomo Verda (presidente  del Comitato Artiglieri dell'Aosta) e gli altri membri del Comitato: i Luogotenenti Michele Caruso, Gaetano Giugliano, Mauro Giovannetti, Fabio D'Antuono, Pasquale Urbano, Franco Oberti.

Il colonnello Bertolini, ripercorrendo le tappe della sua carriera militare, a Saluzzo, Viterbo, Vercelli e raccontando alcuni episodi del soggiorno saluzzese con la famiglia,  periodo molto amato, ha ricordato con commozione i "52 giorni d’inferno"della malattia della moglie, elogiando il personale medico infermieristico "fantastico ed umano" a cui va la sua grandissima stima.

"I veri eroi dell’emergenza sanitaria sono stati i pazienti e i famigliari che hanno sopportato anche la tristezza della solitudine e dell’isolamento"-ha sottolineato Paolo Costantini.

"Abbiamo  bisogno di storie di amore e di amicizia come questa,come del sostegno al nostro ospedale, piccolo, ma un' eccellenza nella Regione – Damiano Officina delle Idee.

L’iniziativa del Comitato, legato agli ideali del  "cappello dalle penne nere" che i componenti hanno indossato, un simbolo per loro di solidarietà e fratellanza alpina, rientra nelle attività dell’associazione che ha come compito principale quello di  organizzare il Raduno annuale. Raduno che in autunno, ogni anno, richiama a Saluzzo migliaia di Artiglieri da Montagna del Gruppo Aosta, militari che hanno prestato servizio dal 1951 al 1991.

Il gruppo è sempre presente inoltre in iniziative sociali e interventi  di  protezione civile in caso di calamità naturali, in aiuto ai cittadini nelle varie circostanze o emergenze.

 

 

Vilma Brignone

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium