/ Saluzzese

Saluzzese | 28 settembre 2020, 18:30

A Barge l’Ottobrata 2020 si intreccia con “Volver”, il festival culturale sulle sinergie e i legami tra il territorio e i bargesi nel mondo (VIDEO)

L’autunno 2020, in paese, si presenta carico di iniziative a carattere culturale quali incontri, arte e musica

La maggior parte delle iniziative di Volver verranno presentare nell'ex officina ferroviaria

La maggior parte delle iniziative di Volver verranno presentare nell'ex officina ferroviaria

Il Festival Volver, per l’edizione 2020, si svolge a Barge, curato dall’Associazione “Quasi Quadro” di Torino, con il patrocinio e il contributo del Comune. “Volver 2020” ospita al suo interno la conclusione del progetto Ter.re Resistenti e la pre incursione del Festival dei Diritti, organizzato anche in collaborazione con il Comune di Piossasco, le associazioni AIPEC ed Economia di Comunione.

L’autunno 2020, a Barge, si presenta carico di iniziative a carattere culturale quali incontri, arte e musica.    

Oltre all’Ottobrata bargese, vi sarà la prima edizione di Volver: festival culturale che si focalizza sul rapporto di sinergia e legame tra il territorio e i Bargesi nel mondo. Paese ospite per la prima edizione sarà l’Argentina in cui vi è una forte presenza di piemontesi.

Il Festival Volver ospiterà al suo interno la pre incursione del Festival dei Diritti, organizzato anche in collaborazione con il Comune di Piossasco, le Associazioni AIPEC e Economia di Comunione. In particolare, vi saranno momenti ed incontri dedicati all’immigrazione e all’ambiente, con un focus specifico sul territorio di Barge. 

Volver si è aperto giovedì 10 settembre, nel cinema di Barge, con la definizione del progetto Ter.Re Resistenti, avendo come fulcro la lectio magistralis tenuta dall’architetto Aimaro Isola in dialogo con lo storico Giovanni De Luna dell’Università degli Studi di Torino.

Un’iniziativa che si è svolta anche grazie alla collaborazione con il DAD del Politecnico di Torino, che ha curato il progetto, e l’Istoreto, Istituto Piemontese per la Storia della Resistenza e della Società contemporanea “Giorgio Agosti”di Torino, l’Istituto Storico della Resistenza e della Società Contemporanea in Provincia di  Cuneo.

A seguire, poi, era stata presentata la nuova edizione del volume “Camilla. Maria Rovano, un’ostetrica partigiana” dedicato alla figura di Maria Rovano, “Camilla”. Tutti i materiali dell’evento del 10 settembre sono consultabili sul sito Terre Resistenti.

Il Festival è poi proseguito sabato 19 settembre, presso l’ex officina ferroviaria di Barge, con l’appuntamento di Jazz Vision, spettacolo dedicato al mondo musicale argentino, con il Cuarteto Nuevo Encuentro. 

Mercoledì 23 settembre, nel cinema di Barge, nell’ambito del Festival dei Diritti si è tenuto l’incontro con Enrico Camanni, scrittore, giornalista, alpinista sul tema “I diritti della montagna” in dialogo con Marco Bussone, presidente nazionale dell’Uncem. Successivamente è stato proiettato il corto “Mombracho” del documentarista Andrea Fenoglio, frutto di un laboratorio tenuto nell’estate del 2019 con alcuni uomini del Centro Diurno “Le Nuvole” di Saluzzo coordinati da Lele Odiardo e Claudio Latino.

Guardando al futuro, invece, sabato 3 ottobre, a seguito dell’inaugurazione dell’Ottobrata bargese, alle ore 17.30, in piazza Garibaldi, avrà luogo – presso l’ex officina ferroviaria – l'inaugurazione della mostra degli artisti finalisti del concorso internazionale d'arte contemporanea “Air Land 3.0- Inside Land” a cura di Quasi Quadro.

La mostra rimane aperta con ingresso gratuito fino al 18 ottobre e visitabile previa prenotazione chiamando il numero 347.6391091 o scrivendo all’indirizzo email volver.barge@gmail.com.

Seguirà, sempre presso l’ex officina ferroviaria, nell’ambito del Festival dei Diritti – alle ore 18.30 – l'incontro con Giorgio Vacchiano, dell’Università Statale di Milano, sul tema “I diritti del bosco” in dialogo con Lucio Vaira della Walden Srl. Subito dopo, alle ore 20, rinfresco offerto con prodotti del territorio.

A concludere la serata, dalle ore 21, l’intervento musicale FolkArgentango a cura del Duo Acosta - Troncozo: un viaggio tra i ritmi e le melodie della tradizione argentina, dal tango alla cosiddetta musica folklorica delle regioni interne dell’Argentina, fino alla musica andina con Lautaro Acosta (violino) e Martin Troncozo (chitarra).     

Domenica 4 ottobre, presso l’ex officina ferroviaria, alle ore 17, VOLVER@Barge: presentazione del progetto di ricerca sulle migrazioni dei bargesi nel mondo, in collaborazione con Museo sulle migrazioni di Frossasco, Mu.MA- Istituzione Musei del Mare e delle Migrazioni di Genova (con l’intervento del direttore Pierangelo Campodonico), Politecnico di Torino, l’Istoreto – Istituto Piemontese per la Storia della Resistenza e della Società Contemporanea “Giorgio Agosti” di Torino e l'Istituto Storico della Resistenza e della Società Contemporanea in Provincia di Cuneo.

In tale occasione, vi sarà un collegamento fra la comunità locale e quella piemontese argentina e in presenza con la delegazione francese di Annonay. La proiezione della video intervista, realizzata da Elisabetta Sivo e Renzo Melis e introdotta da Federico Marzinot, all’artista argentino di origini bargesi Carlos Carlè sarà lo spunto per la presentazione della Mostra che sarà a lui dedicata a cura di Cristina Sissa.

Seguirà, alle 18, la presentazione del libro “Sacco e Vanzetti. Innocenti” (Claudiana editrice) di Lorenzo Tibaldo, con video e musiche originali di Paolo Mosele. Sarà presente l’autore.

Subito dopo, alle 19,  tavola rotonda sulle migrazioni piemontesi coordinata da Carlotta Colombatto, del  Museo sulle migrazioni di Frossasco, con la partecipazione Giancarlo Libert e di Giorgio di Francesco

A concludere la serata, dalle 20, presso l’ex Ooficina ferroviaria si terrà un rinfresco offerto con prodotti del territorio.

Sabato 7 novembre, alle 17.30, ancora presso l’ex officina ferroviaria, avverrà l'inaugurazione della mostra “Continente”, a cura di Quasi Quadro, sulle tematiche inerenti  l’immigrazione e l’ambiente oggetto del Festival Volver e Festival dei Diritti con le opere degli artisti Piero Gilardi (1942), Nelida Mendoza (1956), Andrea Famà (1988), Bruno Alves de Souza (1992) e Valeria Dardano (1993).

La mostra si svolgerà durante il periodo di Artissima e di Start, la quale metterà a disposizione nella giornata dell’inaugurazione un servizio di navette per gli spostamenti da Saluzzo. L’esposizione rimarrà aperta con ingresso gratuito fino al 29 novembre e sarà visitabile previa prenotazione chiamando il numero 3476391091 o scrivendo all’indirizzo email volver.barge@gmail.com.

Durante il periodo della mostra, Quasi Quadro organizzerà laboratori educativi gratuiti aperti a scuole e famiglie, per info e prenotazioni chiamare il numero 3476391091 o scrivere all’indirizzo email volver.barge@gmail.com

 La partecipazione agli eventi è gratuita. Per esigenze legate alle misure anti Covid-19 è necessaria la prenotazione obbligatoria, chiamando il numero 3476391091 o scrivendo all’indirizzo email volver.barge@gmail.com.

redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium