/ Attualità

Attualità | 29 settembre 2020, 09:40

Coronavirus ad Alba: 8 gli attualmente positivi, guariti a quota 104

Valori sostanzialmente stabili per la capitale delle Langhe. Il sindaco Bo: "Rispettiamo le regole e non abbassiamo la guardia"

Foto di Barbara Guazzone

Foto di Barbara Guazzone

“Sono trascorsi ormai diversi mesi da quando ci siamo trovati a dover affrontare e convivere con questo virus. Gli albesi hanno dato prova di grande responsabilità, di cui abbiamo ancora più bisogno adesso in cui stiamo cercando di tutelare la nostra salute, ma anche le nostre attività quotidiane, lavoro e scuola in primis. Rispettiamo le regole e non abbassiamo la guardia”.

Con queste parole il sindaco albese Carlo Bo accompagna l’odierno aggiornamento sui contagi da Coronavirus tra i residenti della capitale delle Langhe. Gli attualmente positivi, fa sapere il Comune, sono sostanzialmente stabili, 8 contro i 7 di venerdì, come sono fortunatamente stabili i decessi, fermi a 13 da fine agosto, mentre i guariti sono intanto saliti a quota 104.
 
Dal 22 settembre è entrata in vigore l’ordinanza del Ministero della Salute che rende obbligatorio il tampone anche per chi proviene da Parigi e dalle aree della Francia con significativa circolazione del Covid-19, ovvero Alvernia-Rodano-Alpi, Corsica, Hauts-de-France, Île-de-France, Nuova Aquitania, Occitania, Provenza-Alpi-Costa azzurra. Il test può essere effettuato sia tramite l’accesso diretto ai recapiti e negli orari indicati sul sito dell’Asl Cn2, sia mediante prenotazione.
 
Ancora obbligatorio anche il tampone per le persone provenienti da Spagna, Grecia, Croazia e Malta. Tutte le indicazioni si trovano sul sito dell’Asl Cn2 al link  https://www.aslcn2.it/prevenzione/covid-19-viaggiatori-al-rientro-da-spagna-grecia-croazia-e-malta/. E’ possibile contattare il Dipartimento di prevenzione dell’Asl Cn2 telefonando allo 0173/316619 o scrivendo una mail a dipp.alba@aslcn2.it.
 
Si rammenta che è obbligatorio dalle ore 18.00 alle ore 06.00 sull’intero territorio nazionale usare protezioni delle vie respiratorie anche all’aperto, negli spazi di pertinenza dei luoghi e locali aperti al pubblico nonché negli spazi pubblici (piazze, slarghi, vie) ove per le caratteristiche fisiche sia più agevole il formarsi di assembramenti anche di natura spontanea e/o occasionale.
 
Inoltre, è ancora obbligatorio per tutti i cittadini sull’intero territorio regionale l’utilizzo di protezioni delle vie respiratorie nei luoghi chiusi accessibili al pubblico, inclusi i mezzi di trasporto, in tutte le aree pertinenziali al chiuso e all’aperto dei centri commerciali e delle grandi superfici di vendita, e in tutti i luoghi e le occasioni in cui non sia possibile garantire continuamente il mantenimento della distanza di sicurezza. Sono esonerati i bambini al di sotto dei sei anni e i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo delle mascherine.

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium