/ Attualità

Attualità | 09 ottobre 2020, 19:50

Cuneo, nuovo assetto per l'illuminazione pubblica, semaforica e degli edifici comunali: presentato il progetto Iren-Bosch

Ieri sera (8 ottobre) la commissione; s'interverrà su 6mila punti luce e sulla maggior parte degli edifici comunali con la

Foto generica

Foto generica

Da 5 milioni di kw/h a circa 2 milioni, per un risparmio – previsionale, essendo che la tecnologia concretamente utilizzata potrebbe risultare anche più avanza di quella su cui è stato basato il progetto – di circa 55-56%. È questo il bilancio del progetto di gestione, conduzione e manutenzione degli impianti di illuminazione pubblica, illuminazione interna ai fabbricati comunali e semaforici della città di Cuneo proposto dalla cordata Iren Smart Solutions e Bosch che nella serata di ieri (giovedì 9 ottobre) è stato presentato alle commissioni III^ e V^.

Il Comune lancerà a inizio 2021 una gara aperta ad altri possibili soggetti interessati, che dovranno proporre un progetto più vantaggioso di quello di Iren-Bosch per aggiudicarsi l’appalto. In caso contrario, l’intervento – che avrà luogo nei primi mesi del prossimo anno e nelle intenzioni della cordata si concluderà nel corso dei dodici mesi - andrà automaticamente ai proponenti.

Un bilancio positivo sia in senso ambientale che in senso economico – assicura il sindaco Federico Borgna - , per un’operazione necessaria, complementare a tanti altri interventi di ammodernamento già realizzati e che porterà il comune a un serio risparmio”.

- IL PROGETTO

A illustrare la proposta Giampaolo Roscio di Iren Smart Solutions (che si è occupata della parte relativa all’illuminazione pubblica e semaforica) e Alberto Bolli di Bosch (che invece ha seguito la questione dell’illuminazione interna agli edifici comunali).

S’interverrà su circa 6.000 punti luce – sostituzione di 5.000 apparecchi, 300 apparecchi d’arredo pubblici e installazione di LED su circa 900 lanterne esistenti - pubblici e su dodici impianti semaforici. Verrà integrata l’opzione della riduzione notturna, così da mantenere sicurezza e visibilità pur in un’ottica di ulteriore risparmio; inoltre, verranno individuate le “anime” delle diverse zone della città e offerta una temperatura di colore dell’illuminazione differente per ciascuna, così da differenziarle.

Solo il 4% degli edifici comunali presenta già luci a LED: s’interverrà quindi sulla maggior parte degli stabili realizzando la sostituzione di corpi luminosi in 45 edifici, soprattutto scuole ma anche la biblioteca, il municipio, gli edifici universitari e alcuni di quelli a vocazione sportiva. Sono già stati realizzati sopralluoghi e censimenti dei corpi illuminanti, e definiti gli interventi specifici per ogni immobile.

L’intervento complessivo avrà un costo di circa 4 milioni di euro. Ai proponenti si prevede il Comune paghi un canone totale di oltre 920.000 euro – a cui aggiungerà l’acquisto dell’energia, che per scelta rimarrà in capo all’ente -  per 15 anni; nel primo anno è preventivata una spesa di 1.500.000 euro, a fronte di una spesa “storica” superiore di circa 200.000 euro.

Ogni palo dell’illuminazione pubblica verrà poi dotato di un adesivo con un QRCode tramite il quale la cittadinanza potrà segnalare con tempestività eventuali guasti o malfunzionamenti.

L’utilizzo dei LED configurano una grande opportunità, si tratta di una tipologia di illuminazione che permette di generare diversi tipi di risparmi sui consumi – ha aggiunto Roscio - , e in questo senso la situazione attuale di Cuneo è già buona. Oltre alla sostituzione dei corpi illuminanti andremo anche a realizzare importanti interventi strutturali: si metteranno a norma circa 100 quadri, verrà verificata la stabilità di circa 1000 sostegni, saranno sostituiti circa 400 pali e 2,5 km di linea interrata e 4 km di linea area. Inseriremo, inoltre, ulteriori 16 km proprio di linea aerea”.

simone giraudi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium