/ Cronaca

Cronaca | 14 ottobre 2020, 13:08

Si rifugiava in Svizzera dal 2011 dopo un furto a Cuneo, scoperto e arrestato a Mondovì

Il 29enne nei giorni scorsi era rientrato in Italia per ottenere una sanatoria legata al lavoro. L’uomo fermato trovandosi in stato di latitanza è stato tradotto in carcere presso il carcere di Cerialdo di Cuneo e la sua richiesta respinta

Si rifugiava in Svizzera dal 2011 dopo un furto a Cuneo, scoperto e arrestato a Mondovì

Un altro arresto, sempre nella giornata di ieri, martedì 13 ottobre, da parte della squadra mobile della polizia di Cuneo. In manette B.A. pluripregiudicato di 29 anni di origini marocchine. I fatti commessi a Cuneo si riferiscono a un furto aggravato e altri reati.

Da allora l’uomo si era rifugiato in Svizzera, ma nei giorni scorsi era rientrato in Italia per ottenere una sanatoria legata al lavoro. Il soggetto si “appoggiava” in maniera non stabile nei pressi di Mondovì da conoscenti. L’uomo fermato trovandosi in stato di latitanza è stato tradotto in carcere presso il carcere di Cerialdo di Cuneo. La sua richiesta di sanatoria è stata immediatamente respinta.

Il fatto è stato illustrato dal questore di Cuneo Emanuele Ricifari  e dal dirigente della squadra mobile Pietro Nen.


Daniele Caponnetto

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium