/ Cronaca

Cronaca | 18 ottobre 2020, 19:31

Bra, addio ad Anna Maria Esposito, fondatrice dell’Associazione Volontari Ospedalieri

Il funerale sarà celebrato martedì 20 ottobre, alle ore 10, nella parrocchia di San Giovanni Battista

Bra, addio ad Anna Maria Esposito, fondatrice dell’Associazione Volontari Ospedalieri

Dolore e cordoglio nel mondo del volontariato braidese. Nella mattina di oggi, domenica 18 ottobre, si è spenta improvvisamente, all’età di 82 anni, Anna Maria Esposito, fondatrice dell’Associazione Volontari Ospedalieri di Bra. La piangono il marito Giuseppe Guarino, i figli Fulvio e Rossana, il genero Alessandro, l’amato nipote Alberico e tutti i parenti ai quali si sono stretti amici, conoscenti, oltre a tutto l’Avo di Bra nella persona dell’attuale presidente Beatrice Arlorio.

Il funerale sarà celebrato martedì 20 ottobre, alle ore 10, nella parrocchia di San Giovanni Battista, mentre il rosario è in programma lunedì 19 ottobre, alle ore 18, presso la casa funeraria Lusso Racca (Strada Falchetto, 61/b).

Originaria di Napoli, ma piemontese d’adozione, nella sua vita seppe sempre coniugare la grande responsabilità di curare le persone e la dedizione all’altro. In fondo fu proprio quello che fece con l’Avo, consentendo alle persone di incontrarsi e condividere, dentro un reparto ospedaliero, fragilità, dolore, speranze e gioia.

Era il 1982 quando, insieme alla dottoressa Mariangela Buzzi, diede inizio all’opera di amore dei volontari Avo in servizio a Cuneo. “Siamo i parenti di chi non ha parenti” è stato il motto che segnò l’aurora dell’avventura profondamente umana dei volontari in corsia, dediti alle persone, al loro ascolto, a gesti semplici, ma necessari come donare un sorriso, offrire una presenza. Con il suo trasferimento nella città della Zizzola, avvenuto nel 1986, anche a Bra iniziò questo cammino di generosità, che vide l’istituzione dell’Avo nel 1994 con la firma dell’atto costitutivo e la convenzione con l’Asl, che metteva a disposizione il locale all’interno dell’ospedale Santo Spirito molto utile ai fini dell’assistenza.

La passione per l’umanità di questa donna tenace e volitiva alimentò costantemente l’Avo alla quale non fece mancare il suo contributo di idee e motivazione neppure quando passò il testimone di presidente.

Il sindaco di Bra, Gianni Fogliato, ha affidato ad un post su Facebook il suo cordoglio: “Ciao Anna Maria, quando oggi ho saputo che sei volata in cielo fra i diversi pensieri tristi ho pensato alla parola ‘dono’ a te tanto cara. Sovente mi hai, ci hai ricordato che il volontariato, che l’impegno per gli altri, per la città deve essere un dono che parte da un altro bel termine ‘gratuità’. Quante riflessioni, quanti eventi, quante cose belle abbiamo fatto insieme, anzi grazie alla tua grande forza di volontà abbiamo realizzato. Grazie per aver condiviso, per avermi consigliato, per avermi rimproverato nei miei ruoli civici. Soprattutto, grazie perché ho sempre visto in te una persona che sapeva voler bene. In tanti anni a Bra, io ti ho chiesto tanto impegno, permettimi allora di chiederti da lassù un altro grosso dono per noi: aiutaci a capire sempre più che sapremo uscire da questa pandemia, se sapremo essere dono uno per l’altro nel rispetto e nell’osservanza dei consigli dei medici. Dono che sarà più forte di qualsiasi Dpcm, decreto legge o ordinanza. Grazie Anna Maria anche per questo”.

Così, invece, la ricorda il consigliere comunale braidese, Maria Giovanna Milazzo: “Ci lascia una donna molto forte. Si era trasferita a Bra per il lavoro del marito Giuseppe Guarino, direttore della CRB. L’ho conosciuta perché frequentava anche la parrocchia di Sant’Andrea e ha subito partecipato all’opera della San Vincenzo e al coordinamento del gruppo Caritas, lasciando successivamente queste attività per dedicarsi esclusivamente all’Avo. Ha seminato tanto bene, a Bra ha aiutato molte persone, sempre con delicatezza e generosità d’animo. Il suo altruismo sempre rivolto al prossimo rimarrà vivo nella nostra memoria”.

Il vuoto della sua scomparsa si avverte, ma la pienezza del ricordo non tarda a manifestarsi in quel testamento di solidarietà senza tempo. Ogni giorno i volontari braidesi continuano a scrivere, sull’esempio di Anna Maria, tante bellissime storie di amore e dono.

Silvia Gullino

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium