/ Eventi

Eventi | 18 ottobre 2020, 15:45

Al via l’ottava edizione di CuneoVualà

Presso la la Fondazione Peano di Cuneo, proponendo al pubblico tre differenti esperienze legate alla forma d’arte del carnet de voyage. L’inaugurazione oggi, domenica 18 ottobre alle ore 17:00, per una durata espositiva fino al 15 novembre

Al via l’ottava edizione di CuneoVualà

“La forma d’arte del carnet è, dunque, una maniera per dispiegare e raccontare il mondo, una modalità quanto mai importante per formare una coscienza interpretativa messa sotto pressione dagli eventi contemporanei”.

Rassegna unica a livello nazionale. CuneoVualà, presso la Fondazione Peano di Cuneo, giunge quest’anno alla sua ottava edizione. L’inaugurazione oggi, domenica 18 ottobre alle ore 17:00, per una durata espositiva fino al 15 novembre. Si tratta di un progetto espositivo davvero interessante: verranno proposte al pubblico tre differenti esperienze legate alla forma d’arte del carnet de voyage, con il chiaro intento di dare visibilità ai protagonisti di questa particolare forma espressiva, al confine tra immagini e testi.

  • I racconti del taccuino dal lockdown al low cost, sezione collettiva con i carnets della pandemia;

  • Voyages d’Orient, prima personale italiana di Cécile Filliette;

  • Serraglio fantastico, animali e viaggi immaginari di Giorgio Sommacal.

Con l’ideazione e cura di Ivana Mulatero, questa ottava edizione si ispira al famoso “Voyage autour de ma chambre” scritto da Xavier de Maistre nel 1794, con un parallelo suggestivo tra i numerosi giorni di confinamento descritti dal protagonista all’interno di una stanza quadrata e poi narrati nel romanzo, e le pagine disegnate e scritte nel 2020. Gli autori dei carnets – “autour de ma chambre” – tracciano e narrano le piccole cose di un quotidiano ravvicinato, low cost, in un tempo sospeso, che fluisce e ritorna. Molti degli autori in mostra, protagonisti di una serie di post pubblicati sulle pagine social della Fondazione Peano, presentano i fogli o i taccuini originali che il pubblico ha avuto modo di sfogliare virtualmente nei mesi precedenti. 

Come per le precedenti edizioni molta attenzione sarà rivolta alle scuole, con le quali la Fondazione Peano ha avviato dei programmi formativi (Primo Liceo Artistico di Torino, Liceo Artistico “Buniva” di Pinerolo), promuovendo le conferenze di alcuni maestri del carnet de voyage e la produzione e diffusione dei videotutorial che hanno consentito di affinare le capacità di osservazione, di sintesi e di racconto, a prescindere dall’età e dalle condizioni di partenza.

All’interno di CuneoVualà sarà proiettato in anteprima il cortometraggio “Pennelli in viaggio”, parte di una serie di video documentari dal titolo “La Fabula e l’Arbiciolù”. Si tratta di un lungo racconto che s’intreccia con una meravigliosa espressione dialettale (arbiciolù) che indica un individuo particolarmente ardito, vivace, intraprendente, con la voglia di “sconfinare”. Per l’occasione, i vivaci e curiosi Lorenzo Dotti e Carlo Rosso sono colti durante una seduta di disegno live lungo il fiume Po, mentre Ivana Mulatero interviene con una conversazione sul carnet. Il cortometraggio, per la regia di Marco Balestra e Max Biglia, è un progetto CàMon in collaborazione con IT.A.CA Monferrato 2020, Migranti e Viaggiatori Festival del Turismo Responsabile.

La rassegna CuneoVualà è pensata secondo una modalità collaborativa con alcune associazioni ed enti già attivi sul tema del carnet, come l’Association Il Faut Aller Voir (Clermont Ferrand), Matite in Viaggio (Mestre), Autori Diari di Viaggio (Ferrara), Palermo dal Mare (Palermo) e con il partner culturale Alliance Française (Cuneo).

L’ingresso è gratuito, con l’obbligo di mascherina anche negli spazi aperti. Per info: 0171603649 – 3497528085 – segreteria@fondazionepeano.it

 

Beatrice Condorelli

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium