/ Attualità

Attualità | 19 ottobre 2020, 18:31

Ceva, Fratelli d'Italia a sostegno dei territori colpiti dall'alluvione in Val Tanaro

L'ultimo sopralluogo, in ordine di tempo, è stato effettuato lo scorso venerdì 16 ottobre, dell'eurodeputato Pietro Fiocchi

Ceva, Fratelli d'Italia a sostegno dei territori colpiti dall'alluvione in Val Tanaro

Nel post alluvione la sezione di Fratelli d'Italia di Ceva e della Val Tanaro si è attivata, da subito, per attenzionare tutte le istituzioni nelle quali è presente, attraverso il consigliere comunale Fabio Mottinelli, mettendole in contatto diretto con l’amministrazione comunale di Ceva e comunicando le necessità del territorio della Val Tanaro e dei comuni colpiti del cebano che sono anche stati visitati, in primis dal capogruppo del partito in consiglio regionale, Paolo Bongioanni, seguito a ruota dall’assessore regionale Elena Chiorino, dalla deputata Monica Ciaburro e dall’eurodeputato Pietro Fiocchi. Tutti i livelli di Fratelli d’Italia sono stati presenti per assicurare una catena di trasmissione dall’Europa, a Roma, alla Regione Piemonte.

“Nelle prime ore successive al disastro ho subito interessato i nostri rappresentanti nelle istituzioni che si sono resi immediatamente disponibili” - commenta Fabio Mottinelli: “Per ultimo, in ordine di arrivo, ha fatto visita l’eurodeputato Pietro Fiocchi, e non è un caso perché nell’Assemblea Plenaria di Bruxelles, il Parlamento Europeo ha approvato a larghissima maggioranza il Provvedimento del Meccanismo Unionale di Protezione Civile, ed è stato approvato anche un emendamento di Fratelli d’Italia presentato, appunto, dall’ On. Pietro Fiocchi con il quale si inseriscono il dissesto idrogeologico e quindi anche le frane e le alluvioni tra gli eventi catastrofici da prevenire e per i quali potenziare gli investimenti”.

 “Nella giornata di venerdì 16 ottobre ho visitato Ceva, uno dei Comuni piemontesi tra i più colpiti dall’ondata di maltempo delle scorse settimane. Già nel ’94, e ancor più recentemente nel 2016, l’esondazione del fiume Tanaro mise in ginocchio questo territorio; dopo soli alcuni anni i cittadini di questo piccolo Comune del Cuneese si son ritrovati tra fango e devastazione. La loro capacità di rialzarsi dopo eventi di questa gravità è da ammirare, ma data la frequenza con cui ormai avvengono questi eventi penso che il dovere delle Istituzioni non sarà limitarsi a dare una mano a rialzarsi, l’imperativo è fare in modo che catastrofi del genere non succedano più, con opere di prevenzione e salvaguardia del territorio” - commenta l’onorevole Fiocchi che  aggiunge: “Scene davvero inimmaginabili, che vorrei non dover rivedere mai più. Anche grazie al mio lavoro con la Protezione Civile Europea saranno, spero presto, disponibili fondi per prevenire i danni da dissesto idrogeologico, mi auguro davvero che tra non molto tutti i Comuni come Ceva possano considerare catastrofi come questa solo un lontano ricordo. In Europa abbiamo dovuto vincere qualche resistenza da parte di Paesi che ignorano il fenomeno del dissesto idrogeologico, ma alla fine abbiamo fatto comprendere che si tratta di un problema che coinvolge milioni di cittadini. Posso dire che l'approvazione del mio emendamento costituisce una vittoria per l’Italia che è certamente uno dei Paesi più colpiti e martoriati da questo fenomeno. Ora possiamo contare su più risorse europee per pianificare meglio, puntando sulla prevenzione più che sull’emergenza ed evitando anche la perdita di vite umane”.

redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium