/ Attualità

Attualità | 21 ottobre 2020, 07:22

Fratelli d'Italia saluta e ringrazia il questore Emanuele Ricifari: "Un eccellente servitore dello Stato, ha affrontato situazioni gravi presenti in città"

Riceviamo e pubblichiamo la nota di Fratelli d'Italia Cuneo

Il questore Emanuele Ricifari

Il questore Emanuele Ricifari

Fratelli d’Italia ringrazia sentitamente Emanuele Ricifari, Questore di Cuneo che a breve lascerà la nostra città per continuare la propria carriera lavorativa a Caltanissetta.

Un uomo che ha avuto il coraggio di prendere in mano diverse situazioni estremamente difficili vissute da Cuneo, tra cui quella del Movicentro, permettendo l’attuazione di controlli a tappeto nell’intero quartiere, a tutela della legalità e ai fini di migliorare significativamente la qualità della vita dei cittadini che abitano quella zona della città.

Auspichiamo che, anche nei prossimi mesi, l’area che va da Corso Giolitti alla Stazione ferroviaria e al Movicentro continui ad essere pattugliata e presidiata dalle forze dell’ordine, affinché non si ritorni alle situazioni critiche già vissute alcuni mesi fa, che adesso, oltre ad essere lesive dell’immagine della città, assumono ancora maggiore gravità alla luce dell’attuale condizione sanitaria.

Un carissimo augurio al Questore Ricifari. Sono certo che Caltanissetta guadagnerà un eccellente servitore dello Stato, che saprà lavorare con la stessa dedizione che ha sempre indirizzato alla città di Cuneo” commenta il Coordinatore Provinciale di Fratelli d’Italia William Casoni.

Ringrazio profondamente Emanuele Ricifari per il suo costante lavoro a favore di Cuneo e per la sua continua disponibilità a confrontarsi con la cittadinanza e con le diverse forze politiche del territorio. Un grande in bocca al lupo per il suo prossimo incarico” dichiara Denis Scotti, Coordinatore del Circolo Fratelli d’Italia di Cuneo. 

comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium