/ Economia

Economia | 24 ottobre 2020, 08:30

Oro del Piemonte: il Prosciutto crudo che racchiude nel suo sapore la tradizione e la cultura di una terra di eccellenze

Oro del Piemonte, ogni fetta, un autentico capolavoro.

Oro del Piemonte: il Prosciutto crudo che racchiude nel suo sapore la tradizione e la cultura di una terra di eccellenze

La storia della famiglia Aimaretti affonda le sue radici a Villafranca Piemonte nei primi anni 40, quando Giuseppe Aimaretti decise di mettersi in proprio avviando la produzione di un piccolo macello di suini dotato di un laboratorio artigianale per la produzione di salumi. Nel corso degli anni, la famiglia Aimaretti ha dato vita ad un progetto ambizioso, nato per garantire la migliore qualità in ogni fase di produzione del prosciutto crudo, dall’allevamento alla stagionatura. Si tratta di una scelta ben precisa, quella di creare un’unica filiera produttiva completa e di proprietà tutta piemontese, che consenta di esercitare un controllo diretto e costante su ogni fase di produzione, tutelando prima di tutto il benessere degli animali. Oggi, dalle pendici del Monviso, nasce così Oro del Piemonte. Ogni fetta, un autentico capolavoro.

Il crudo Oro del Piemonte viene lavorato nel territorio piemontese che presenta il microclima più adatto a donare al prosciutto quelle inconfondibili caratteristiche organolettiche che lo rendono unico. Le sue carni provengono esclusivamente da razze selezionate di suini nati e cresciuti esclusivamente nei sei allevamenti della famiglia Aimaretti o che si trovano in un raggio massimo di 30 chilometri dal macello.

Il segreto della lavorazione artigianale di Oro del Piemonte è custodito in buone mani: quelle dei mastri salumieri piemontesi che la tramandano di generazione in generazione. Tutto nasce da due semplici ingredienti: coscia di suino e sale. La salatura, rigorosamente a mano, e la stagionatura, minimo 18 mesi, danno vita ad un prosciutto crudo dal gusto unico.

Il nostro prodottoci ha spiegato Stefano Aimarettici consente di raccontare la storia di una regione da sempre terra di eccellenze. L'Oro del Piemonte si riconosce subito dal marchio a fuoco che ritrae il Monviso con la Mole Antonelliana: è il sigillo che certifica il legame con il territorio e il rispetto dei più elevati standard qualitativi. L’artigianalità della nostra produzione si avvale delle tecnologie più innovative del settore e garantisce la genuinità di un prodotto dal gusto equilibrato, persistente e coinvolgente: un trionfo di sapori della nostra terra”.

Ip

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium