/ Attualità

Attualità | 27 ottobre 2020, 08:21

Confartigianato Mondovì, Paolo Manera sul nuovo DPCM: "Considerati come untori"

Il presidente degli artigiani monregalesi sottolinea l'importanza fondamentale di dare aiuti economici immediati

Confartigianato Mondovì, Paolo Manera sul nuovo DPCM: "Considerati come untori"

E' entrato in vigore ufficialmente da ieri, lunedì 24 ottobre, il nuovo DPCM del Premier Giuseppe Conte che impone nuove stringenti misure per il contenimento della pandemia. 

Non si parla apertamente di lockdown, al momento, ma le nuove misure adottate si riversano inevitabilmente sulla piccola media impresa che, non dimentichiamolo, rappresenta un pilastro fondamentale della nostra economia. 

"Ora veniamo considerati come degli untori" - commenta il presidente di Confartigianato Mondovì Paolo Manera - "E' ingiusto soprattutto perché queste nuove regole vanno proprio contro quelle categorie che si sono adoperate per lavorare garantendo la sicurezza e allo stesso tempo tornare a dare un senso di normalità nonostante le difficoltà del periodo. Le nuove regole colpiscono non solo il comparto della ristorazione ma trasversalmente tutti quelli ad essa collegati". 

"L'unica via percorribile per salvaguardare la salute di tutti e l'economia è che chiusure e sussidi vadano di pari passo: se ci fossero sostegni economici concreti e immediati sarebbe più sopportabile l'idea di una chiusura totale, non possiamo tornare alla situazione di marzo, le persone non ne hanno più la forza" - prosegue Manera che incalza: "Chiedo agli esperti nominati da Conte questa semplice cosa: se sono seduto al tavolo di un ristorante alle 12.30 e sono in regola, perché alle 20.30 non lo sono più? Che cosa cambia?".

 

Arianna Pronestì

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium