/ Eventi

Eventi | 27 ottobre 2020, 11:26

Al Filatoio di Caraglio un flash mob per ribadire i diritti dei più fragili

Appuntamento alle 18 di giovedì 29 ottobre: "Perché i più fragili sono stati troppo a lungo dimenticati"

Al Filatoio di Caraglio un flash mob per ribadire i diritti dei più fragili

Siamo i portavoce di 11 centri diurni presenti sul nostro territorio che coinvolgono 182 famiglie, cui si devono aggiungere anche alcune RSA e RSD che hanno sperimentato e ancora sperimentano al pari nostro l'isolamento e la disattenzione di chi di dovere.

Si è pensato di fare un flash mob che metta in luce il nostro disagio agli occhi del mondo e soprattutto delle Istituzioni, visto che durante l'estate non siamo mai stati presi in considerazione nonostante le molteplici richieste di incontro e di confronto, nonostante le lettere inviate in Regione, per segnalare garbatamente la lentezza con cui si agiva o non si agiva nell'offrirci soluzioni che dimostrassero di venirci incontro. Otto mesi senza servizi o con servizi ridotti all'essenziale, utili appena appena per sgravarsi le responsabilità o per non subire denunce di negligenza e totale inefficienza e grave inettitudine, sono otto mesi che noi abbiamo percepito eterni.

A partire dal 19 ottobre, avremmo potuto avere qualche cosa in più.

Il nuovo DPCM ci fa temere che invece avremo sempre di meno, che l'apertura dei centri o non avverrà o avverrà sempre più a singhiozzo.

L'essere colto impreparato, da parte di chi deve fornire il servizio di assistenza a coloro che vivono sulla propria pelle il dramma quotidiano e a tutto tondo della disabilità, con la conseguente marginalità sociale e fragilità umana, il suo trincerarsi dietro le norme generali ed astratte, quali quelle dettate dalla cabina di regia dello Stato, necessarie per propria natura in questa forma, generale ed astratta, appunto, in materia di contenimento della pandemia, senza il debito adeguamento di esse alla necessità, alla particolarità, alla puntualità del contingente, questa sfrontata superficialità, o fredda distanza, a nostro avviso non è più tollerabile.

Perciò abbiamo scelto di scendere in piazza e manifestare pubblicamente. E' stata una scelta molto sofferta, per tre motivi principali. 

Il primo è perché non si è mai voluto e tanto meno si vuole oggi strumentalizzare i nostri figli o fratelli o cari, disabili o anziani che siano.

Il secondo è perché vista la curva epidemiologica così impennata verso l'alto abbiamo avuto qualche perplessità circa il fatto se fosse opportuno o no fare il flash mob, anche nel rispetto degli operatori sanitari che sono in prima linea e che cercano di assorbire gli effetti del contagio ormai fuori controllo.

Il terzo è che si teme di risultare intempestivi rispetto alla situazione generale di possibile nuovo lockdown e di esporci dunque a facili critiche e fraintendimenti, tali da vanificare le nostre richieste.

Dopo alcune riflessioni abbiamo però preso collegialmente  la decisione di darsi lo stesso appuntamento per giovedì alle 18.00 presso il Filatoio di Caraglio. Ci si riunirà all'aperto, nel cortile interno, mettendo in pratica tutte le misure anti-covid del caso: mascherine, distanziamento, misurazione della temperatura e registro delle presenze qualora si rendesse opportuna la  famigerata tracciabilità.

Il non fare la manifestazione, che durerà circa 30 minuti e durante la quale leggeremo un testo concordato tra noi rappresentanti che chiederemo ai presenti di sottoscrivere (se lo riterranno), ci è parso che fosse un ulteriore segno da parte nostra che si è disposti a cedere quella fetta di partecipazione democratica posta al servizio degli ultimi, quella fetta di partecipazione democratica che troppe volte è stata mortificata e sacrificata ad esclusivo beneficio di chi strilla più forte o di chi è violento.

Noi non siamo gente che urla, né rivoltosa per il gusto di esserlo, nel tentativo di agitare gli animi verso l'insubordinazione e generare inutili ed estremistiche tensioni sociali. 

Soltanto vogliamo dire forte che esistiamo, noi e i nostri figli disabili e/o famigliari tutti!

Non sarà una protesta, piuttosto una proposta per continuare a credere che collaborazione e solidarietà reciproca siano, l'una sommata all'altra, l'unica carta vincente per l'umanità ed il pianeta.

Comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium