/ Sanità

Sanità | 29 ottobre 2020, 19:13

A Savigliano, le strutture modulari dell’Esercito ospiteranno fino a 22 pazienti in appoggio al Pronto Soccorso (FOTO E VIDEO)

Saranno dedicate ai casi sospetti o direttamente positivi. Pinelli: “Trend in aumento, ma il sistema sta reggendo bene. Ci siamo attrezzando per dare risposte ottimali e rapide a tutti i pazienti non solo a quelli colpiti dal Covid”

A Savigliano, le strutture modulari dell’Esercito ospiteranno fino a 22 pazienti in appoggio al Pronto Soccorso (FOTO E VIDEO)

La brigata Alpina “Taurinense” sta terminando in queste ore l’allestimento delle tensostrutture modulari riscaldate all’ospedale Santissima Annunziata di Savigliano che contribuiranno a gestire il sovraffollamento dei posti di degenza a bassa intensità.

All’interno delle due strutture, saranno allestite le attrezzature sanitarie a cura dell’Asl Cn1, mentre domani l’Esercito monterà ancora il riscaldamento. 

Il tutto sarà terminato nel giro di pochi giorni così da essere attivo già nel fine settimana. Le tende possono ospitare fino a 24 persone, ma non saranno più di 22 per necessità logistiche. 

Un modulo che sarà in appoggio alle attività di triage del Pronto Soccorso ed eventualmente nel trattamento dei pazienti positivi al Covid-19 a bassa intensità. 

 

 

“Nell’ultima settimana abbiamo avuto un aumento degli accessi al Pronto Soccorso - spiega Massimiliano Pinelli, Direttore Medicina di Urgenza di Savigliano - a Savigliano, ma anche a Saluzzo, sia di casi sospetti sia direttamente positivi. Il trend è in aumento, ma il sistema sta reggendo bene, tuttavia ci aspettiamo che le misure messe in atto possano dare frutto nelle prossime settimane, per evitare che i Pronto Soccorso possano andare in grave sofferenza”. 

“Le tende fuori dal pronto soccorso saranno dedicate ai pazienti sospetti in attesa di tampone, però a basso rischio, pazienti che non necessitano di ventilazione, però devono fare uno screening iniziale per determinare se hanno contratto il Covid. Ci siamo attrezzati - conclude Pinelli - ed è una cosa in divenire per dare a tutti i cittadini, non solo quelli colpiti dal Covid, come pazienti oncologici, tutte le risposte ottimali e nel miglior tempo possibile”. 

Nell'ospedale di Savigliano intanto sono stati al momento già stati attivati 18 posti letto per casi Covid a "media intensità", alcuni purtroppo già occupati, mentre se prossimamente si dovesse rendere necessario adeguare la Terapia Intensiva per i pazienti Covid, si ipotizza di mettere a disposizione 4 posti.  

Chiara Gallo

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium