/ Attualità

Attualità | 17 novembre 2020, 17:31

Caccia: Lega, no a ideologismi e divieti, c' è indotto importante, governo risponda

I senatori:"basta con la sottovalutazione del ruolo che l'attività venatoria esercita nel grande problema del contenimento della fauna selvatica"

Caccia: Lega, no a ideologismi e divieti, c' è indotto importante, governo risponda

 "Abbiamo presentato un'interrogazione  alla presidenza del Consiglio perché il governo chiarisca come intende intervenire per correggere un'impostazione estremamente contraria all'attività venatoria che, con le disposizioni impartite dall'ultimo Dpcm, è permessa nelle regioni arancioni, libera in quelle gialle ma totalmente vietata in quelle rosse, risultando fortemente compromessa su tutto il territorio nazionale.

Se la motivazione è da ritrovarsi nella necessità di evitare assembramenti o contatti ravvicinati, questo atteggiamento punitivo del governo è ancora più riprovevole, perché la caccia è praticata in luoghi e in orari che minimamente inducono alle folle o alla violazione della distanza di sicurezza.

Basta con questa mentalità animalista, che non tiene in conto l'indotto legato all'attività venatoria, quantificabile intorno alle centomila unità, che se impedite di operare, sprofonderanno in una drammatica crisi occupazionale;basta con la sottovalutazione del ruolo che l'attività venatoria esercita nel grande problema del contenimento della fauna selvatica, veicolo di patologie dannose per le altre specie animali. Si producano quindi ragioni scientifiche inattaccabili o si faccia un passo indietro: non si usi il covid per le proprie battaglie ideologiche".

Così i senatori della Lega firmatari dell'interrogazione Francesco Bruzzone, Giorgio Maria Bergesio, Gian Marco Centinaio, Gianpaolo Vallardi, Umberto Fusco, William De Vecchis.

comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium