ELEZIONI POLITICHE 25 SETTEMBRE 2022
 / Attualità

Attualità | 26 novembre 2020, 08:21

Raccolta differenziata, nel 2019 in Granda si è toccato il 70%: ancora troppi i rifiuti pro capite

n totale, nell'anno passato, il Piemonte ha riciclato 1.359.000 tonnellate di rifiuti, ovvero il 63,4% di quelli prodotti

Foto generica

Foto generica

Nel 2019 la raccolta differenziata in Piemonte supera il 63%, aumentando di 2,2 punti percentuali rispetto al 2018. La raccolta dell'indifferenziato è invece diminuita del 6,7%.

Sono questi i dati resi noti dalla Regione nel corso della giornata di ieri (mercoledì 25 novembre). Soddisfatto l'assessore Matteo Marnati: "Prosegue spedito, ben oltre le attese, l’aumento della raccolta differenziata in Piemonte. La strategia regionale è quella di sviluppare considerevolmente la raccolta differenziata e ridare ai rifiuti un riuso sostenibile. Nel prossimo futuro il conferimento dei rifiuti in discarica sarà sempre meno ma pe, poter trasformare i rifiuti in risorse serve una filiera di aziende e impiantistica complessa, in grado di trattarli e avviare un’economia circolare piemontese".

- I DATI PIEMONTESI

In totale, nell'anno passato, il Piemonte ha riciclato 1.359.000 tonnellate di rifiuti, ovvero il 63,4% di quelli prodotti. La quota pro capite - cioè i rifiuti raccolti e separati dai cittadini - è aumentata di 8 kg dal 2018, raggiungendo quota 313 kg.

Dei comuni sul territorio, 557 hanno superato l'obiettivo previsto dalla normativa nazionale e dal piano regionale rifiuti per il 2019, ovvero il riciclo del 65% almeno dei rifiuti prodotti; l'85% di essi ha meno di 5.000 abitanti.

La carta è la frazione maggiormente raccolta (65 kg per abitante), seguita dall'organico (63 kg), dal vetro (41 kg), dagli sfalci e dalle potature (34 kg) e dalla plastica (30 kg). L'intera frazione organica ha superato i 106 kg per abitante, costituente il 34% dei rifiuti differenziati.

- I DATI CUNEESI

La Granda ha riciclato nel 2019 il 70% dei propri rifiuti, facendo segnare - come tutti gli altri territori provinciali che non hanno raggiunto l'obiettivo fissato dal piano regionale 2020 in merito alla loro riduzione - il dato di 521 kg di rifiuti pro capite. 157 kg sono i rifiuti non differenziati per abitante.

Nella sola città capoluogo la raccolta differenziata ha toccato quota 71,4%.

Per quanto riguarda i consorzi del territorio cuneese a far registrare la miglior performance è il Consorzio Albese Braidese Servizi Rifiuti (73%), seguito dal Consorzio Ecologico Cuneese (70%), dal Consorzio Servizi Ecologia e Ambiente (68%) e dall'Azienda Consortile Ecologica del Monregalese (66%).

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium