/ Attualità

Attualità | 26 novembre 2020, 14:27

Savigliano: 20 mila euro in più agli asili e alle scuole paritarie e 6 mila euro per le famiglie più bisognose

Variazioni di bilancio a favore delle categorie più colpite dall’emergenza sanitaria presentati durante la Commissione Bilancio. Estesa anche la platea Isee su addizionale Irpef e Tari

Savigliano: 20 mila euro in più agli asili e alle scuole paritarie e 6 mila euro per le famiglie più bisognose

Prima commissione di bilancio virtuale per il Comune di Savigliano. Ieri sera la seduta si è svolta sulla piattaforma “Zoom”, a costo totalmente gratuito.

 

Tra i vari punti presentati, le variazioni di bilancio sulle spese correnti che vengono incontro alle categorie più colpite dell’emergenza sanitaria. 

 

Prima fra tutte il versamento di altri 20 mila euro agli asili e alle scuole paritarie. Secondo una convenzione il Comune è tenuto a versare come minimo 70 mila euro all’anno, ma non ci sono limiti per il tetto massimo. In questo modo si potrà venire incontro agli Istituti privati. 

 

Altro step importante quello sull’addizionale Irpef e Tari per chi ha un Isee basso: “Siamo riusciti a stanziare altri 10 mila euro, per un totale quest’anno di 30 mila euro e abbiamo potuto perciò allargare la platea dell’Isee, potranno beneficiarne più famiglie con un parametro più alto, ma che hanno comunque risentito dell’emergenza sanitaria” spiega l’assessore Michele Lovera. 

 

Infine, erano già stati messi a bilancio 6 mila euro per aiuti alimentari che saranno dati alla San Vincenzo la quale provvederà a distribuirli alle famiglie più bisognose. “Non sapevamo se lo Stato avesse stanziato di nuovo il contributo per la spesa, quindi ci siamo portati avanti. Questi sei mila euro saranno distribuiti dalla San Vincenzo e si aggiungeranno a quelli che arriveranno nei prossimi giorni con il fondo ristori. Non sappiamo ancora a quanto ammonterà ma all’incirca sarà sui 100 mila euro”. 

 

Gli interventi a favore dei cittadini più in difficoltà, si aggiungono alla delibera approvata in Giunta per il contributo pari al 20% dell’importo annuale TARI che aiuta diversi commercianti ed esercenti maggiormente danneggiati dall’ultimo Dpcm. “Stiamo cercando di capire se possiamo venire incontro agli esercenti sulla Tosap, la tassa sull’occupazione suolo pubblico, ma oggi non c’è nessuna norma che lo permetta. Lunedì con una delibera abbiamo spostato intanto la scadenza dell’ultima rata al 31 dicembre, poi vedremo cos’altro si potrà fare” conclude Lovera. 

Chiara Gallo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium