/ Attualità

Attualità | 26 novembre 2020, 12:43

Stelle Michelin sulle colline Unesco: "Un segnale di fiducia in vista della ripartenza"

Il direttore del Consorzio Turistico Langhe Monferrato Roero Elisabetta Grasso saluta il riconoscimento a ben ventitré locali del territorio: "Uno straordinario risultato"

Stelle Michelin sulle colline Unesco: "Un segnale di fiducia in vista della ripartenza"

“Uno straordinario risultato, frutto di un grandissimo lavoro quotidiano, quest’anno reso ancora più complicato e difficile, fatto di impegno, passione, sacrifici, tanta ambizione e voglia di reinventarsi per fidelizzare gli ospiti del proprio locale anche in questo momento particolare e per dare lustro al territorio”.

Così Elisabetta Grasso, direttore del Consorzio Turistico Langhe Monferrato Roero, saluta l’ennesimo prestigioso riconoscimento che la nuova edizione della Guida Michelin ha conferito al territorio delle Colline Unesco con l’assegnazione di ben 27 stelle, arrivate a premiare il lavoro di 23 ristoranti attivi nel comprensorio.

Un firmamento che, "nonostante il buio del momento, continua a risplendere facendo brillare di tanta luce il territorio, creando fiducia e positività per la futura e, speriamo vicina, ripartenza".

"Una squadra di chef dinamici – riprende Grasso –, sempre alla ricerca delle migliori materie prime della nostra terra, che sanno valorizzare la tradizione abbinando il giusto tocco di innovazione, creatività e ricercatezza, in luoghi che diventano motivo di viaggio per i numerosi visitatori che scelgono le colline di Langhe, Monferrato e Roero come meta enogastronomica dove vivere esperienze all’insegna della sicurezza, della tranquillità, contemplando gli straordinari Paesaggi Unesco, tra atmosfere di ospitalità di charme, grandi vini, eccezionali tartufi e, soprattutto, di una cucina tra le più rinomate al mondo".

A guidarla (ne scrivevamo qui) Enrico Crippa, del ristorante Piazza Duomo di Alba, tra gli 11 prestigiosi tristellati in Italia. Al suo fianco una nuova stella per il ristorante Borgo Sant’Anna di Monforte d’Alba con il giovane chef Pasquale Laera, e la conferma, mai scontata, di 22 ristoranti stellati del territorio, tra i quali anche quelle del nuovo chef dell’Osteria Arborina di La Morra Enrico Marmo e di Yannick Alléno che guida la cucina del Ristorante FRE di Monforte.

"È sempre più importante
– conclude la responsabile del Consorzio Turistico – prendere consapevolezza del ruolo sociale della ristorazione: gli chef creano cultura attraverso il cibo, aggiungendo creatività, hanno un ruolo fondamentale per la sostenibilità, dal modo di rifornirsi, alla coerenza nei menù, al controllo degli sprechi ed esaltano il valore della salubrità del cibo, dall’orto alla tavola, da trasferire e far vivere agli ospiti".

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium