/ Attualità

Attualità | 27 novembre 2020, 18:42

Case di riposo: quale gestione dopo l’emergenza Covid? La proposta del Consorzio Socio Assistenziale Cuneese

Il presidente Arneodo: “Il Coronavirus deve far riflettere sui modi di gestione delle Rsa. In futuro sarà necessario puntare di più sull’assistenza domiciliare

Case di riposo: quale gestione dopo l’emergenza Covid? La proposta del Consorzio Socio Assistenziale Cuneese

Il Covid ha stravolto la vita di tutti noi e nelle Case di riposo, dove ci sono i soggetti più fragili, ha spesso causato disastri e non solo dal punto di vista sanitario ma anche psicologico.

“Forse, grazie anche ad una certa organizzazione, almeno per ora, questa seconda ondata di infezione, sembra essere più gestibile - spiega il presidente del Consorzio Socio Assistenziale del Cuneese, Giancarlo Arneodo -. Importante è stato il così detto tracciamento, attraverso tamponi ad ospiti ed operatori. È indubbio che sono stati mesi molto duri, per gli ospiti e le loro famiglie, ma anche per gli operatori che senza sosta si sono occupati dell’emergenza”.

Molte le residenze gestite dal consorzio cuneese, con soggetti anziani non autosufficienti ed autosufficienti, alle quali si aggiungerà, dal primo di gennaio del prossimo anno, anche la residenza di Vinadio, con 62 posti.

Nei prossimi mesi - precisa il presidente del Consorzio Arneodo - , occorrerà riflettere su alcuni aspetti legati alle RSA che sono diventati ancora più evidenti dall’emergenza Covid. Diventa fondamentale ragionare e impostare una assistenza territoriale che permetta di dare risposte anche con la domiciliarità. Questo deve avvenire con un ripensamento globale dell’assistenza agli anziani in cui le Residenze saranno solo una delle risposte, integrata all’interno di una pluralità di risposte".

"Su questo tema non possiamo che ragionare con la parte sanitaria - conclude Arneodo - considerando che le fragilità sono sì assistenziali, ma anche molto sanitarie. Il futuro deve passare attraverso una presa in carico socio sanitaria dell’anziano, tra le mura domestiche come nelle Residenze, ma anche attraverso formule nuove di intervento e sostegno”.

 

NaMur

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium