/ Politica

Politica | 27 novembre 2020, 15:50

Savigliano, fuori Gioffreda. Il sindaco: “Si apre una nuova stagione con l’opposizione, ma il confronto c'è sempre stato”

Le reazioni "sbigottite" delle Minoranze

Savigliano, fuori Gioffreda. Il sindaco: “Si apre una nuova stagione con l’opposizione, ma il confronto c'è sempre stato”

Intervento discusso quello del sindaco Giulio Ambroggio, dopo le dimissioni del consigliere di opposizione Tommaso Gioffreda (Savigliano 2.0). Pur non facendo direttamente riferimento all’interessato, il primo cittadino durante il Consiglio comunale di ieri sera è intervenuto mostrando apparente sollievo per l’uscita del consigliere e auspicando un rapporto più disteso con le Minoranze: “Penso che oggi si apra una stagione nuova per l’Amministrazione, nel senso che sarà possibile avere dei rapporti proficui costanti con l’opposizione. D’ora in avanti ci saranno rapporti diversi, sempre nel rispetto dei ruoli, si collabora senza uscire dal seminato, penso sia la cosa che auspichiamo tutti”. 

Parole che il consigliere di opposizione Antonello Portera (M5S) non ha apprezzato: “Devo confessare mi lasciano sbigottito le parole del sindaco. Non penso che il dialogo con l’opposizione cambi a seconda delle persone che la compongono, sarebbe un segno di debolezza. Coloro che in politica rappresentano un numero di cittadini devono tenuti in considerazione. Da quello che ha detto il sindaco, mi sembra di aver perso tre anni e spesso confesso mi sono sentito tagliato fuori da vicende importanti. Per fortuna con gli assessori non ha avuto lo stesso approccio. L’affermazione del sindaco tuttavia non mi piace, non tanto per mancanza di rispetto per i consiglieri, ma per quello che rappresentano”. 

Il consigliere Gioffreda nei suoi tre anno e mezzo di mandato ha portato avanti numerose battaglie e presentando in Consiglio circa 180 interrogazioni. Diversi gli interventi dei consiglieri sia di minoranza che di maggioranza che lo hanno salutato, apprezzandone il lavoro e augurandogli buon lavoro. 

Maurizio Occelli (FdI), subentrato al suo posto nel Consiglio comunale, non ha tuttavia apprezzato molto l’intervento di Ambroggio e il giorno dopo il Consiglio aggiunge: “Ci sono rimasto male perché sinceramente Gioffreda non meritava di essere trattato così, anche se non è stato nominato si capisce che l’obiettivo era lui. Poi non capisco se pensano che io non farò opposizione. Il rapporto personale è buono, ma la politica è un’altra cosa. Anche se non sono più intervenuto”.  

Il sindaco Ambroggio dopo la seduta di ieri sera, precisa: “C’era già il confronto, era più difficoltoso. Noi siamo disponibili come sempre a dialogare con l’opposizione, a tenerla informata delle cose che facciamo nel rispetto rigoroso dei ruoli. La maggioranza fa la maggioranza, l’opposizione fa l’opposizione, in ottemperanza della Legge Bassanini, che regola la vita delle amministrazioni. 

La nostra è una democrazia rappresentativa con compiti ben precisi. Abbiamo collaborato con la Minoranza in diverse occasioni - aggiunge - un esempio fra tutti la distribuzione dei soldi per i generi alimentari per l’emergenza sanitaria, fatta collegialmente, o la gestione dei migranti, per cui ho dato la delega a due consiglieri di maggioranza e a uno di opposizione. Abbiamo trattato con l’università io e l’assessore Lovera, ma non esiste che lo facciano insieme maggioranza e minoranza”. 

 

Chiara Gallo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium