/ Attualità

Attualità | 30 novembre 2020, 18:46

Welfare e prospettive future: Confindustria e Confcommercio insieme nel progetto WWW-We Want Welfare

Webinair con tanti intefventi, per illustrare la temataica dal punto di vista locale, guardando alle esperienze positive presenti in provincia e allargando lo sguardo all'Europa

Welfare e prospettive future: Confindustria e Confcommercio insieme nel progetto WWW-We Want Welfare

Welfare aziendale. Se ne sente parlare sempre più spesso, ma concretamente di cosa si tratta?

Se ne è parlato in una webinair, oggi 30 novembre, a conclusione di un progetto al quale hanno lavorato insieme Confindustria Cuneo e Confcommercio provincia di Cuneo, durato oltre un anno, che ha visto coinvolte 265 aziende e 800 lavoratori.

Si tratta di “WWW-We Want Welfare”, progetto vincitore del bando attuativo “Disseminazione e diffusione del welfare aziendale tramite enti aggregatori” (Por Fse 2014/2020-Misura 1.8iv.3.2.6.) che la Regione Piemonte ha pubblicato nell’àmbito della Strategia di innovazione sociale “We care”.

Cos’è il welfare? Quali prospettive di sviluppo ha? Lo si interpreta nello stesso modo in tutta Europa?“

Il programma, introdotto e moderato da Stefania Bergia, responsabile del progetto “WWW-We Want Welfare”, è iniziato con i saluti istituzionali di Mauro Gola, presidente di Confindustria Cuneo, e di Luca Chiapella, presidente di Confcommercio della Provincia di Cuneo.

Una panoramica sul welfare in Europa, sulle diverse interpretazioni e sulle diverse applicazioni anche basate su eredità storiche e sindacali è stata presentata da Lea Rossi, avvocato, partner dello studio Toffoletto De Luca Tamajo.

Maurizio Tosi, Coordinatore Welfare & Benefits Michelin Italiana, ha invece spiegato come nel concreto viene attuato il welfare in Michelin e in particolare nello stabilimento di Cuneo, il più grande dell'Europa occidentale, con una produzione di 14milioni di pneumatici all'anno.

Migliaia i dipendenti e importante, per l'azienda, il loro coinvolgimento e soprattutto il loro sostegno, che nel tempo si è tradotto in molteplici iniziative.

Dagli eventi al sostegno alle donne in maternità ai percorsi di orietamento per i figli, supportati anche con borse di studio, fino ai progetti che mettono al centro il personale, che hanno uno spazio esclusivo per dialogare con l'azienda, in quanto l'ascolto delle istanze dei dipendenti viene considerato prioritario.

Le prospettive del welfare sono state illustrate da Michele Tiraboschi, professore di diritto del lavoro dell’Università di Modena e Reggio Emilia, coordinatore scientifico della Scuola di alta formazione in relazioni industriali e di lavoro di Adapt, l’Associazione per gli studi internazionali e comparativi in ​​materia di lavoro e relazioni industriali, fondata nel 2000 da Marco Biagi. Il welfare aziendale, come ha evidenziato, è ormai imprescindibile in un mondo del lavoro che sta cambiando a grande velocità.

A concludere il direttore generale di Confindustria Giuliana Cirio, che ha invece sottolineato come le piccole e medie imprese della provincia fatichino ancora a ragionare in termini di welfare, concetto molto più vicino all'organizzazione delle multinazionali. Ma qualche seme importante, in questo anno di lavoro sul progetto WWW, è stato lanciato. 

La Cirio ha inoltre ricordato come Alba, anche nel 2021, sarà Capitale della Cultura d'Impresa. Un territorio dove è nata e si è sviluppata la Ferrero, azienda dolciaria che è diventata un modello proprio per il welfare, a livello internazionale.

 

 

Michele trboschi prof diritto lavoro modena e reggio emilia

prospettive del welfare?

ripensare il modello produttivo

 

Giuliana Cirio conclusione difficile cdefinire cosa sia il welfare

c'era bisogno di questo progetto, in particolare nella nostra provincia dopve la penetrazione dell'idea di un contratto di welfare è inferiore alla media piemontese e molto in altre regioni

 

bsimonelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium