/ Attualità

Attualità | 01 dicembre 2020, 12:02

Un conferenza web per l'Agrion per raccontare l’attività di ricerca ortofrutticola per il 2020

Giovedì 26 novembre a seguito della conferenza “Ricerca e Innovazione in frutticoltura – Attività 2020”, organizzata presso la sede di Manta di Agrion e trasmessa in diretta streaming sul canale YT della Fondazione, si è svolto anche un incontro per approfondire l’attività orticola svolta presso il centro di Boves (“Ricerca e innovazione in orticoltura – Attività 2020”). Il materiale divulgativo riguardante l’incontro verrà caricato sul sito www.agrion.it

Un conferenza web per l'Agrion per raccontare l’attività di ricerca ortofrutticola per il 2020

Ogni volta che si avvicina la fine dell’anno, la Fondazione Agrion organizza un incontro di confronto e aggiornamento con le imprese agricole del territorio per raccontare l’attività di ricerca ortofrutticola svolta durante l’anno appena trascorso.

Giovedì 26 novembre, infatti, a seguito della conferenza “Ricerca e Innovazione in frutticoltura – Attività 2020”, organizzata presso la sede di Manta di Agrion e trasmessa in diretta streaming sul canale YT della Fondazione, si è svolto anche un incontro per approfondire l’attività orticola svolta presso il centro di Boves (“Ricerca e innovazione in orticoltura – Attività 2020”).

Durante l’incontro, tenutosi anch’esso in videoconferenza, sono intervenuti il responsabile del coordinamento orticolo, Roberto Giordano, il quale si è focalizzato sulle prove varietali condotte nel 2020 su patata, ed il referente per la sperimentazione e l’innovazione varietale in orticoltura, Cristiano Carli, che è intervenuto sulle principali novità emerse riguardo a pomodoro e peperone. A chiudere la giornata, infine, l’intervento della Dott.ssa Giovanna Gilardi del Centro di Competenza per l'Innovazione in Campo Agro-ambientale (Agroinnova), che ha presentato i dati relativi al secondo anno di sperimentazione del progetto SFIDA (Strategie di DiFesa a basso Impatto Ambientale per la filiera orticola), a cui partecipa anche Fondazione Agrion e Coldiretti Cuneo.

 Secondo quanto emerso dall’attività di ricerca 2020, ad oggi, in Piemonte, la patata ricopre una superficie di 1.040 ettari, la maggior parte collocati nell’alessandrino e poi a seguire nel cuneese, nel torinese e nell’astigiano. Lo screening varietale realizzato dalla Fondazione Agrion presso la sede di Boves ricopre un ruolo fondamentale nell’identificazione delle varietà più valide a livello produttivo e commerciale. In particolare, nell’annata 2020 sono stati messi a confronto 34 varietà, 30 a pasta gialla, 2 a buccia rossa e 1 a buccia e polpa viola.

Per quanto riguarda il pomodoro, invece, è emerso che la specie è presente soprattutto nella provincia di Cuneo (40% dell’ettarato). A differenza della patata, lo screening varietale del pomodoro viene realizzato presso l’azienda Naturamica dei Fratelli Rosso di Villafalletto. La prova 2020 è stata portata avanti su nove ibridi, tre dei quali di nuova introduzione nel 2020.

La relazione seguente si è incentrata sul confronto varietale del peperone mezzo lungo. Si tratta di una coltivazione tipica piemontese che negli ultimi anni ha visto un considerevole calo nelle superfici coltivate a causa del Tomato Spotted Wilt Virus, un agente eziologico che porta a numerosi danni, e all’assenza di resistenza negli areali sottoposti a maggiore pressione. Lo screening varietale, realizzato presso l’Azienda Ghirardi di Carmagnola, ricopre quindi un ruolo decisivo per orientare i coltivatori verso varietà che rispondano alle richieste dei mercati.

 Come anticipato, l’ultima parte del convegno ha visto l’intervento della Dott.ssa Giovanna Gilardi di Agroinnova che ha presentato i risultati del secondo anno di sperimentazione del progetto SFIDA. L’obiettivo del progetto è quello di migliorare la sostenibilità ambientale delle colture in serra applicando protocolli di sicurezza alimentare, metabolici ed entomologici nella lotta integrata a fitopatogeni e parassiti. I risultati finora conseguiti sono promettenti e permetteranno di migliorare i protocolli di difesa integrata attualmente utilizzati.

Il materiale divulgativo riguardante l’incontro verrà caricato sul sito www.agrion.it

comuicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium