/ Cronaca

Cronaca | 09 dicembre 2020, 12:29

Accusati di oltre venti furti in abitazioni e aziende: tribunale li condanna a 5 anni di carcere

Nello scorso aprile l’operazione dei Carabinieri di Alba e Bra che permise di assicurare alla giustizia la banda composta da tre uomini di origini albanesi

Immagine d'archivio

Immagine d'archivio

Il Tribunale di Asti ha condannato tre uomini di origini albanesi alla pena di 5 anni di reclusione e al pagamento di 2.400 euro di multa, disponendo per due di loro l’espulsione dal territorio nazionale al termine dell’espiazione della pena.

I tre, giudicati con rito abbreviato, sono stati ritenuti pienamente responsabili delle accuse mossegli dalla Procura della Repubblica di Asti che, dirigendo le indagini condotte dai Carabinieri di Alba e Bra, li aveva individuati quali esecutori materiali di oltre 25 furti in aziende e abitazioni private delle province di Cuneo, Asti e Alessandria.

I fatti risalgono alla fine del 2019 e ai primi mesi dell’anno in corso, quando nelle campagne dell'Albese e del Braidese si verificò una recrudescenza di furti consumati con le medesime modalità presso stabilimenti produttivi e case di privati cittadini.

La tecnica era sempre la stessa: prima un accurato sopralluogo alla ricerca di case disabitate. Individuato l’obiettivo uno dei tre, col compito di “autista”, accompagnava i due complici nella zona scelta.
Una volta consumato il furto, i due richiamavano l’autista che li recuperava. Durante i colpi i tre si curavano di non lasciare tracce del loro passaggio; si muovevano a piedi, senza lasciare particolari segni del proprio transito, operando travisati.

Nel corso di un’articolata attività d’indagine, durata quasi quattro mesi, gli uomini dell'Arma riuscirono a identificare gli autori dei furti e a ricostruire i loro movimenti, giungendo ad arrestarli alla fine dello scorso mese di aprile, in esecuzione dei provvedimenti cautelari richiesti dalla Procura della Repubblica di Asti.  

I tre uomini – rispettivamente di 38, 27 e 24 anni – furono individuati dai Carabinieri presso le abitazioni nelle quali risiedevano in Alessandria, dove vennero anche rinvenuti e sequestrati tre orologi di pregio e un bracciale in oro, ritenuti verosimile provento dei furti.

Ora la condanna a una pena che i tre sconteranno in carcere, dove sono già detenuti.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium