/ Eventi

Eventi | 13 dicembre 2020, 14:15

A Morozzo un Natale un po’ diverso, ma mai senza cappone

Tante sono le novità della Fiera Nazionale del Cappone di Morozzo edizione 2020

La Pro loco di Morozzo in collaborazione con il Comune ed il Consorzio di tutele del Cappone di Morozzo stanno confezionando il box che sarà sulle vostre tavole: Capun a Ca’...la Pula Co

La Pro loco di Morozzo in collaborazione con il Comune ed il Consorzio di tutele del Cappone di Morozzo stanno confezionando il box che sarà sulle vostre tavole: Capun a Ca’...la Pula Co

L’ Amministrazione comunale di Morozzo ha creduto e sperato fino all’ultimo. “Si – dicono dal Comune - avevamo intenzione di fare una Fiera del Cappone come tutti gli anni e possibilmente ancora migliorata.

Abbiamo invece dovuto sottostare a quelle che sono, giustamente, le normative Covid-19 e non potendo dar corso alla tradizionale fiera-mercato in piazza, ma non volendo comunque rinunciare a questa antica usanza del nostro paese, si è puntato sulla valorizzazione del primo Presidio Slow Food con una serie di nuove iniziative di promozione e commercializzazione a livello locale, nazionale e non solo.

Anche perché, insieme al Consorzio per la tutela e valorizzazione del Cappone di Morozzo e delle Produzioni Avicole Tradizionali da cortile, abbiamo una grande responsabilità nei confronti dei produttori che dopo ben 220 giorni di allevamento vedevano nella tradizionale fiera il culmine del loro lavoro e anche il riconoscimento di tanti mesi di fatica.

Tante sono le novità della Fiera Nazionale del Cappone di Morozzo edizione 2020: innanzitutto come Amministrazione Comunale ci siamo impegnati per far si che i produttori di cappone, insieme ad altri produttori locali, avessero la possibilità di uno spazio a loro dedicato durante il mercato settimanale del lunedì: avendo a disposizione la struttura del “Pelerin”, da inizio novembre è stato possibile avere sulla piazza personalmente gli allevatori che vendono i loro capponi, le loro pule.

Si è pensato anche al fatto che quest’anno il cappone non potesse arrivare così facilmente sulle tavole dei consumatori o delle famiglie che da tradizione, tutti gli anni, potevano consumare questo nostro prezioso prodotto nei ristoranti del territorio: con lo slogan “Capun a cà…..la Pula cò” ci si è organizzati per far arrivare a casa una scatola gustosa piena di prodotti a base di Capun e Pula, cucinati da ristoratori di Morozzo, ed altri prodotti preparati da aziende alimentari locali: un box pronto per le tavole delle festività natalizie.

Per sfondare i confini nazionali ed internazionali, il Cappone di Morozzo è “volato” a Bangkok ed è stato cucinato da quattro chef che ci hanno dato la loro interpretazione in cucina di questa nostra grande eccellenza.

Come da tradizione anche la premiazione della migliore coppia di Capponi di Morozzo è stata fatta, anche se a porte chiuse, ma il giorno della Fiera tutti hanno potuto ammirare le immagini variopinte dei vincitori che si sono aggiudicati l’ambita medaglia d’oro, quest’anno messa in palio dal Consorzio.

Visto che da anni la Fiera del Cappone coinvolge tutto il paese, chi come produttore, chi come commerciante,  chi come espositore,  chi come consumatore … non ci siamo però dimenticati dei più piccini: i nostri ragazzi delle scuole di Morozzo, che a partire dalla materna fino alle medie, sono stati invitati a partecipare al concorso bandito dalla Fondazione “Opera Pia Peyrone” di Morozzo che quest’anno si è intitolato “Diversamente Positivo”; gli elaborati raccolti (lavoretti o disegni, video, testi poetici e racconti) sono stati consegnati alla Giuria nei giorni della Fiera.

Insomma, una Fiera un po’ diversa, come lo è stato questo 2020, un Natale un po’ diverso, ma non sicuramente senza il nostro Cappone!”

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium