/ Agricoltura

Agricoltura | 26 dicembre 2020, 16:05

Dalla Legge di Bilancio 2021 possibile la proroga dell’esonero contributivo INPS per i neoiscritti in agricoltura

Lo Studio AGRIEURO illustra un provvedimento in discussione che, se confermato, potrebbe consentire notevoli risparmi ai neoiscritti all’INPS in agricoltura

Dalla Legge di Bilancio 2021 possibile la proroga dell’esonero contributivo INPS per i neoiscritti in agricoltura

La Legge di Bilancio 2021, ormai in dirittura d’arrivo, tocca innumerevoli argomenti e questioni, spesso trasversali ai vari settori economici. Novità attese, dunque, anche per il settore agricolo, in particolare per ciò che concerne i contributi INPS.

Parrebbe, infatti, essere in discussione la proroga, per l’anno 2021, dell’esonero contributivo già in vigore per l’anno 2020.

Grazie a tale esonero, nel 2020, i neoiscritti all’INPS in qualità di coltivatori diretti o di imprenditori agricoli professionali, di età compresa tra i 18 e i 40 anni, potevano fruire dell’esonero del versamento della contribuzione dell’assicurazione generale obbligatoria per l'invalidità, la vecchiaia ed i superstiti (IVS), per un periodo massimo di ventiquattro mesi. Il che si traduce in un risparmio, in termini di versamento di contributi INPS, per i primi 2 anni di attività, che può essere anche nell’ordine di alcune migliaia di euro.

Tale misura di intervento, con le relative agevolazioni, potrebbe essere riproposta anche per l’anno 2021.

In sostanza, se ciò fosse confermato, anche coloro che si iscriveranno all’INPS in agricoltura nel 2021 (coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali), di età compresa tra i 18 e i 40 anni, potrebbero fruire di tale agevolazioni. Si tratterebbe di un fatto molto positivo, in quanto consentire ai giovani di risparmiare qualcosa in termini di versamento di contributi INPS per i primi 2 anni di attività può essere importante, in quanto, specie all’inizio, le spese sono numerose e la ditta si deve avviare.

Data l’importanza della questione, è consigliabile rimanere aggiornati sull’iter di approvazione della Legge di Bilancio 2021, al fine di comprendere se tale misura verrà confermata e meno.

Nel frattempo, per le iscrizioni all’INPS effettuate entro il 31/12/2020, vale ancora la regola istituita dalla Legge di Bilancio approvata a dicembre 2019, che prevedeva la possibilità di richiedere l’esonero contributivo.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium