/ Politica

Politica | 03 gennaio 2021, 07:59

Alba, malesseri nel gruppo consiliare della Lega

Due consigliere comunali si sentono trascurate e chiedono maggior attenzione. Voci riferiscono di una loro possibile fuoriuscita, ma l’assessore e coordinatore cittadino Marco Marcarino minimizza: “Siamo una forza compatta e granitica”

Il municipio di Alba

Il municipio di Alba

Continuano a restare agitate le acque nel centrodestra albese, dove la frammentazione dei gruppi consiliari non agevola il ruolo del sindaco forzista Carlo Bo, che, ormai da mesi, è costretto ad incontri separati con la sua maggioranza.
La nascita di “Alba liberale” prima e di “Azione liberale” poi ha acuito piccole e grandi tensioni che si stanno riverberando ora in seno agli stessi gruppi.

Da qualche settimana si registrano malesseri all’interno della compagine leghista dove le consigliere Ylenia Cane e Maria L’Episcopo chiedono spazio e maggiore considerazione.

La prima, da quanto risulta, punterebbe al canile comunale, la seconda ad una specifica delega operativa al turismo.

La Lega, con i suoi 2311 voti (13,75%) ottenuti alle comunali del 2019, è il gruppo che conta il maggior numero di consiglieri, cinque, e annovera due assessori in giunta: Marco Marcarino (Attività Produttive, Commercio, Ambiente, Sicurezza e Polizia Municipale) e Bruno Ferrero (Bilancio e Società partecipate).

Negli ultimi giorni dell’anno appena concluso è circolata voce che le due consigliere stessero pensando a gesti clamorosi, tipo la costituzione in un gruppo autonomo o il passaggio ad altro gruppo, nella fattispecie quello di Fratelli d’Italia dove Emanuele Bolla, assessore al Turismo, è rimasto solo dopo il passaggio di Sebastiano Cavalli ad “Azione liberale”.

Ma a smentire questa voce è lo stesso Bolla: “È un’ipotesi che non esiste. Non conosco le dinamiche interne agli altri gruppi, ma quand’anche si presentassero richieste di questo tipo escludo categoricamente che FdI possa assumere decisioni che verrebbero lette come atto di ostilità nei confronti di forze politiche nostre alleate”.

Marco Marcarino, assessore e coordinatore cittadino della Lega, minimizza: “Siamo in presenza di piccole e se vogliamo anche legittime rivendicazioni, dettate dal desiderio di voler lavorare di più. Ne abbiamo già parlato tra noi e anche col sindaco. Vedremo quel che si potrà fare. In ogni caso – puntualizza Marcarino - non si tratta di questioni politiche rilevanti perché il gruppo consiliare della Lega è granitico e compatto, e Bo sa che la nostra fiducia nei suoi confronti è fuori discussione”.  

GpT

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium