/ Attualità

Attualità | 13 gennaio 2021, 10:12

Salvo il distaccamento dei Vigili del Fuoco di Mondovì. Il sindaco: "Mantenuto l'impegno, grazie per il vostro lavoro"

Il gruppo FNS CISL Vigili del Fuoco a seguito dell'incontro in Regione si dice soddisfatto per le soluzioni individuate

Salvo il distaccamento dei Vigili del Fuoco di Mondovì. Il sindaco: "Mantenuto l'impegno, grazie per il vostro lavoro"

Ottime notizie per Mondovì: il distaccamento dei Vigili del Fuoco resta in città.

Dopo la notizia dello sfratto dai locali di via San Bernardo, si era svolto a fine dicembre un incontro tra l'amministrazione, il Prefetto di Cuneo e il comandante di Vigili del Fuoco di Cuneo per individuare una soluzione. Ieri mattina la delegazione sindacale FNS CISL VIGILI DEL FUOCO Cuneo, composta da Fabrizio Malabocchia e Gianmario Librizzi, è stata ricevuta presso il Palazzo della Regione Piemonte in Piazza Castello a Torino per discutere  del Distaccamento di Mondovì che deve lasciare l'attuale sede entro febbraio.

Al tavolo tecnico hanno preso parte il Presidente Regione Piemonte Alberto Cirio, Paolo Bongioanni capo gruppo Fratelli d' Italia, il sindaco di Mondovì Paolo Adriano, Rocco Pulitanò e Luca Robaldo.

"La Fns Cisl Vigili del Fuoco fin da novembre appreso della sentenza di sfratto esecutivo si è messa al lavoro nell' interesse di lavoratori e cittadini la dove uno delle ipotesi era quella di ritirare dal monregalese il presidio fondamentale dei Vigili del Fuoco"- spiegano dal gruppo- "Un primo intervento della segreteria territoriale è stata quella di attivare la segreteria nazionale che ha preso immediati contatti con il Capo del Corpo e la Ministra Lamorgese. In contemporanea si richiedeva urgente incontro con Sindaco e Regione Piemonte  per definire oggettivamente la questione a cuore di questo sindacato. Da Novembre ad oggi tante notizie e ipotesi diffuse a mezzo stampa senza atti concreti. Abbiamo rappresentato la necessità di avere riscontri e di conoscere tempistiche concrete per il futuro del presidio territoriale Vigili del Fuoco di Mondovì".

Soddisfatto, il gruppo FNS CISL Vigili del Fuoco, spiega di aver ricevuto dal sindaco, un documento di delibera in cui l'amministrazione si impegna a integrare il canone di locazione per il trasferimento provvisorio nella sede di via Torino, angolo Corso Inghilterra, presso ex officina Garelli. Entro la fine di gennaio il consiglio comunale  voterà per l'approvazione a bilancio.

La Regione Piemonte ha ribadito con le autorevoli voci di Cirio e Bongioanni il prezioso lavoro dei Vigili del Fuoco sul territorio e che rimane a completa disposizione per qualsiasi intoppo.

"Ringraziamo tutti gli amministratori regionali e territoriali presenti per la collaborazione espressa, ciascuno nel proprio ambito di competenza, nel proseguo degli atti amministrativi nell'ambito interesse dei lavoratori e della comunità"- concludono dal gruppo FNS CISL Vigili del Fuoco - "Il Sindaco di Mondovì ha ben rappresentato gli iter di competenza dal suo stanziamento alla guida dell'amministrazione monregalese. Mostrando disponibilità totale e soprattutto la volontà di non perdere l'operato prezioso dei pompieri monregalesi".

Mentre si prepara il trasferimento nello stabile in via Torino, dal palazzo comunale il primo cittadino commenta:

"La Giunta Comunale ha mantenuto l'impegno, deliberando la compartecipazione del Comune alle spese per la locazione della Caserma 'transitoria', vale a dire l'edificio che ospiterà il Distaccamento dei Vigili del Fuoco di Mondovì in attesa che venga costruita la nuova - e definitiva - sede. Ora sarà il Ministero dell'Interno a stabilire il proprio contributo".

L'affitto della sede temporanea avrà probabilmente durata quinquennale, tempo necessario per la creazione della nuova sede del distaccamento.

"Come abbiamo evidenziato più volte, si tratta di un presidio fondamentale per la città e per tutto il territorio (oltre 60 Comuni) che è sottoposto alla sua competenza. Un ringraziamento particolare va all'On. Enrico Costa che, fin dall'inizio, ha seguito questa tematica e quella relativa alla nuova Caserma: anche in questo senso, siamo alle battute finali ed in attesa che venga sottoscritto il rogito del terreno che il Comune ha ceduto all'Agenzia del Demanio. Imprevisti permettendo, la nuova Caserma sarà pronta entro 5/6 anni" - conclude il primo cittadino - "Il contributo del Comune è fondamentale e rappresenta segno tangibile dell'impegno messo in campo. Desidero, quindi, ringraziare la Prefettura di Cuneo ed il Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco: la sinergia che si è creata ci rende fiduciosi per il futuro".

Arianna P.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium