/ Attualità

Attualità | 18 gennaio 2021, 16:35

Cuneo, quali passi avanti nel contenzioso su piazza della Costituzione?

Il gruppo Cuneo per i Beni Comuni ha interpellato la Giunta in merito alla controversia pluridecennale tra Comune ed Eurofim: "Dalla maggioranza solo risposte evasive, autoassolutorie e fuorvianti"

Foto di repertorio

Foto di repertorio

A che punto è la pluridecennale controversia tra il Comune di Cuneo ed Eurofim sul complesso "Agorà" di piazza della Costituzione? A riportare l'attenzione sul tema - a una settimana di distanza dal primo consiglio comunale del 2021 - sono Ugo Sturlese e il gruppo Cuneo per i Beni Comuni, che hanno presentato un'interpellanza ufficiale.

Ma rispetto al contenzioso iniziato nel luglio 1980, a che punto siamo? Il momento più prossimo risale allo scorso 9 dicembre e alla presentazione, da parte proprio del gruppo consigliare, di un esposto alla Procura Regionale della Corte dei Conti: la questione, dopo oltre 40 anni, è ancora irrisolta e secondo i consiglieri il Comune non ha assunto le iniziative occorrenti a tutela delle proprie ragioni. "Le ripetute, articolate, sollecitazioni avanzate dal nostro Gruppo Consigliare alla Giunta Comunale, con Interpellanze e Ordini del Giorno, hanno ricevuto sia dalla Giunta Comunale sia dalla maggioranza consigliare solo risposte evasive, autoassolutorie, ed in ultimo fuorvianti" si legge nel testo dell'interpellanza. Dubbi, inoltre, sembrano rimanere anche tra i residenti in merito ai permessi di agibilità dei locali.

Il 23 gennaio 2019 l'amministrazione, in sede di commissione urbanistica, ha sottolineato come il reperimento dello standard urbanistico dovuto al fabbisogno del parcheggio pubblico sarebbe stato da considerarsi assolto e verificato solo ad avvenuto trasferimento al Comune dei terreni censiti al catasto e asservimento all'uso pubblico dei restanti parcheggi a raso: Cuneo per i Beni Comuni interpella quindi l'assessore all'urbanistica per sapere se è finalmente avvenuto il passaggio di proprietà e l'asservimento a uso pubblico, e se è stata data risposta ai cittadini che hanno chiesto chiarimenti sulle condizioni di agibilità dei locali.

simone giraudi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium