ELEZIONI COMUNE DI CUNEO
 / Attualità

Attualità | 18 gennaio 2021, 09:55

Rientro a scuola al 50%: in Granda più di 600 corse aggiuntive per garantire il trasporto in sicurezza (GALLERY)

Oggi 18 gennaio il rientro in classe, al 50%, degli studenti delle scuole superiori. Impiego di volontari della Protezione civile con personale in pensione di Carabinieri e Guardia di Finanza per garantire il distanziamento e il corretto uso della mascherina negli orari di entrata e di uscita dalle scuole e alle fermate dei mezzi pubblici

Rientro a scuola al 50%: in Granda più di 600 corse aggiuntive per garantire il trasporto in sicurezza (GALLERY)

Stamattina la città di Cuneo era piena di studenti. Cartelle e zaini sotto i portici, alle fermate dei pullman, davanti agli istituti cittadini.

Il Piemonte è, infatti, tra le quattro regioni d'Italia che oggi, 18 gennaio, hanno visto il rientro in classe degli studenti delle scuole superiori. 176mila, nella nostra regione, quelli che hanno finalmente potuto varcare i portoni di ingresso degli istituti e sono tornati a sedersi ai banchi. In presenza, dopo mesi. Ricordiamo infatti che le scuole superiori e le medie - tranne la prima - erano chiuse dal 26 ottobre scorso. 

Da oggi le scuole secondarie di secondo grado piemontesi adottano forme flessibili nell’organizzazione didattica: ad almeno il 50% e fino ad un massimo del 75% della popolazione studentesca è garantita l’attività didattica in presenza. La rimanente parte dell’attività si svolgerà a distanza.

Una trattativa lunga e difficile, che ancora ieri, dopo un'urgente riunione tra il ministro Speranza e il CTS, sembrava nuovamente messa in discussione. Le prossime due settimane saranno cruciali per valutare la ricaduta sui contagi del rientro in aula. 

Il Piemonte ha fatto uno sforzo economico importantissimo per aumentare le corse dei pullman, anche questi occupabili al 50% della capienza. Potenziate le corse di quelli di linea e aggiunti anche numerosi autobus turistici. Sono 4502 le corse aggiuntive di autobus ogni settimane. 611 solo in provincia di Cuneo. Il costo per la Regione è stimato in 800mila euro alla settimana.

Ricordiamo che per garantire il rientro in classe in sicurezza la Regione Piemonte ha avviato il piano “Scuola sicura”, un monitoraggio a scopo di prevenzione di tutto il personale scolastico, che ogni 15 giorni potrà sottoporsi, su base volontaria, a un tampone di verifica sanitaria. Coinvolge in modo sperimentale, con cadenza mensile, anche gli alunni delle seconde e terze medie ed è in corso di valutazione la possibilità di estendere l’iniziativa anche ad altre fasce di età scolastica.

Il progetto è tra i primi in Italia e comporta un investimento complessivo della Regione di 7 milioni di euro. È stato previsto l’impiego di volontari della Protezione civile con personale in pensione di Carabinieri e Guardia di Finanza, per garantire il distanziamento e il corretto uso della mascherina negli orari di entrata e di uscita dalle scuole e alle fermate dei mezzi pubblici.

 

barbara simonelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium