/ Il Punto di Beppe Gandolfo

In Breve

lunedì 19 luglio
lunedì 12 luglio
lunedì 05 luglio
lunedì 21 giugno
lunedì 14 giugno
Salviamo Superga
(h. 07:00)
lunedì 07 giugno
lunedì 31 maggio
lunedì 24 maggio
lunedì 17 maggio
lunedì 10 maggio

Il Punto di Beppe Gandolfo | 18 gennaio 2021, 07:00

Scritte naziste e violenza sessuale la sconfitta della giustizia

Un anno fa sulla porta di casa del figlio di una deportata in un campo di concentramento, comparvero scritte di chiaro stampo nazista.

Scritte naziste e violenza sessuale la sconfitta della giustizia

Un anno fa. Era la notte fra il 23 e il 24 gennaio e a Mondovì, sulla porta di casa del figlio di una deportata in un campo di concentramento, comparvero scritte di chiaro stampo nazista: “Juden here”, “qui ebrei”. Indagini, scandalo, scalpore in tutta Italia.

Ad un anno di distanza la Procura di Cuneo ha chiesto l’archiviazione del caso. Impossibile trovare i colpevoli: “Non c’erano testimoni né videocamere, non avevamo altre informazioni. Abbiamo disposto due consulenze: una chimica e una morfologica. Lo strumento utilizzato era una bomboletta spray di uso comune. Chiunque poteva averla. Quello che è certo, è che la scritta è stata realizzata accuratamente e senza fretta. Non abbiamo avuto nessun riscontro dai gruppi neonazisti individuati. Per questi motivi, ho richiesto l’archiviazione del fascicolo contro ignoti”. Queste le parole del Procuratore capo Onelio Dodero.

Nei giorni scorsi a Torino un ottantenne viene condannato a 9 anni per aver violentato, nel 2006, 15 anni fa, la figlia quarantenne insieme a un paio di amici. L’imputato non ha mai fatto un giorno di galera e mai lo farà perché, in considerazione dell’età, potrà godere di misure alternative e, in attesa della sentenza definitiva della Cassazione, arriverà la prescrizione del reato. Intanto l’uomo è stato accusato di aver abusato di un’altra figlia e di una nipotina. Dal 2006 e per più di una decina d’anni, tutta la vicenda (inchiesta, interrogatori, testimonianze, perizie, insomma l’intero faldone d’indagine) si è arenata in qualche armadio del Palazzo di Giustizia di Torino. E così l’orco resterà impunito e le vittime senza giustizia.

Da quanto sentiamo parlare di riforma della giustizia? Per qualsiasi governo (anche questo o quello che verrà) è tra i punti programmatici e fondamentali. Parole che si scontrano con la realtà. E la realtà sono questi due casi di palese sconfitta della giustizia stessa.

Beppe Gandolfo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium