/ Saluzzese

Saluzzese | 25 gennaio 2021, 11:15

In Croce verde a Bagnolo Piemonte quattro posti per il Servizio civile universale

Sono destinati a ragazzi tra i 18 e 28 anni di età. In programma anche l’inizio di un nuovo corso per volontari soccorritori: le adesioni si raccolgono da febbraio

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Sono quattro i posti a disposizione per il Servizio civile universale in Croce verde, a Bagnolo Piemonte.

Per la pubblica assistenza bagnolese, che fa parte dell’Anpas, l’anno che è da poco iniziato si sta già rivelando denso di impegni e carico di lavoro, sempre al servizio della cittadinanza. Oltre all’avvio dei progetti di Servizio civile universale, sta per partire anche un nuovo corso di formazione per l’abilitazione di aspiranti volontari nel servizio di emergenza sanitaria 118 e nelle attività di trasporto infermi.

I posti liberi per il servizio civile universale, quattro in tutto, sono destinati a ragazzi tra i 18 e 28 anni di età: due saranno destinati al progetto per l’attività di emergenza 118, altri due per i trasporti sanitari.

L’Associazione – spiega il consigliere della Croce verde Stefano Pasianè orgogliosa di essere Ente accreditato per il servizio civile universale: non solo perché questo dà l’opportunità ai giovani di accedere a un servizio retribuito a favore della popolazione, ma soprattutto perché offre un’esperienza di crescita personale e professionale per i ragazzi che decideranno di far domanda di servizio civile”.

Tutte le informazioni sui progetti e sulla procedura per far domanda si possono trovare sulla pagina dedicata http://serviziocivile.anpas.piemonte.it. La scadenza per la presentazione delle domande è il 15 febbraio 2021.

La campagna di raccolta iscrizioni per coloro che intendono affacciarsi a questa importantissima realtà territoriale, invece, partirà a inizio febbraio. Chiunque sia intenzionato a partecipare può contattare la sede della Croce verde Bagnolo, dal lunedì al sabato, al numero 0175.392966, dalle 9 alle 19.

Quasi senza lasciare spazio per il riposo, dal momento che i volontari sono ancora impegnati nella gestione dell’emergenza covid-19 – aggiunge Pasian –  lo staff della Croce Verde si sta preparando ad accogliere i giovani del servizio civile e nello stesso momento sta organizzando un corso per volontari soccorritori 118 e per trasporti infermi, pensato ad hoc in tempo di Covid, in modo da garantire la sicurezza dei discenti con l’applicazione delle norme previste per la mitigazione dei rischi di contagio”.

Il corso prevede una parte teorica di circa 60 ore di lezione, che include l’abilitazione all’uso del defibrillatore semiautomatico esterno, più una parte di tirocinio pratico protetto pari a 100 ore di servizio attivo.

L’esperienza di volontariato nella Croce verde di Bagnolo – conclude Pasian – non è così semplice da descrivere, bisogna provarla.

Certamente, il volontariato arricchisce personalmente: ci si sente consapevoli di aver contribuito a rendere il mondo più equo e solidale e di aver colto un’opportunità di cambiamento che permette, grazie al servizio svolto, di essere portatori di umanità e di aiuto”.

Ni.Ber.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium