/ Saluzzese

Saluzzese | 25 gennaio 2021, 15:52

L’Unione del Monviso prima in regione per il numero di funzioni associate

Risultato a “pari merito” con l’Unione di Comuni “Colline di Langa e del Barolo”. Ai due Enti la Regione ha riconosciuto la gestione associata di otto funzioni fondamentali su undici. Soddisfatto il presidente Emidio Meirone

Il logo dell'Unione montana dei Comuni del Monviso

Il logo dell'Unione montana dei Comuni del Monviso

166mila 716euro.

È il contributo che la Regione Piemonte ha concesso all’Unione montana del Monviso, “a sostegno della gestione associata di funzioni e servizi comunali”.

Per l’erogazione dei contributi, la Regione si basa su criteri definiti annualmente dalla Giunta, che vengono esplicitati in un apposito bando.

Per l’annualità 2020, il termine per la presentazione delle domande era stato fissato al 14 dicembre scorso. In Regione sono pervenute 78 istanze: sono state ammesse soltanto quelle presentate dalle Unioni di Comuni inserite nella Carta delle Forme associative del Piemonte.

E che rispettino alcune condizioni specifiche, come lo svolgimento di almeno due funzioni fondamentali comunali o l’attribuzione all’Unione di risorse economiche ed umane finalizzate alla gestione delle funzioni per le quali si richiede il contributo.

Delle 78 richieste ne sono state ammesse a contributo, secondo il bando di inizio dicembre, 77.

Con i fondi regionali disponibili sul bilancio di previsione, aggiunti ai fondi statali impegnati sul capitolo a favore delle Unioni di Comuni, è stato possibile finanziare tutte le Unioni di Comuni inserite in graduatoria, per un importo totale pari a 5milioni e 222mila euro (2milioni e 839mila da fondi statali e 2milioni e 382mila euro da risorse regionali).

Nella graduatoria elaborata dalla Direzione della Giunta regionale, l’Unione montana del Monviso si è posizionata al primo posto, insieme all’Unione di Comuni “Colline di Langa e del Barolo”, ottenendo il contributo di 166.716 euro.

Soddisfatto il presidente dell’Unione montana, Emidio Meirone: “Un risultato praticamente sovrapponibile allo scorso anno. – commenta – Contando però che mancano ancora le funzioni statali che espletiamo come Unione: l’anagrafe e l’elettorale.

A me hanno sempre insegnato che ‘Chi sa fa, chi sa pa.... mustra’ (in dialetto: ‘Chi sa fa, chi non sa insegna’: ndr): è una risposta, mutuata da un amico, che rivolgo alla minoranza di Paesana. Alla quale dico che il patto tra i sindaci dell’Unione del Monviso prevedeva assoluta autonomia: sia sui bilanci comunali che sui dipendenti e sugli usi civici. Proprio perché l’Unione non sarà mai imposizione.

Vorrei passasse l’idea di soddisfazione che trapela da quei numeri: il lavoro di ogni responsabile, di ogni dipendente, e l’Unione tra sindaci.

Sono funzioni realmente svolte, che hanno un peso e che tracciano una linea: essere i primi vuol dire eccellere, perché si condivide.

Ma comunque, la risposta è sopra: l’Unione è molto di più di un semplice artificio politico. È la somma dei Comuni che oltre a fungere per sé stessi hanno un carico in più di lavoro”.

La Regione ha riconosciuto all’Unione montana del Monviso e all’Unione di Comuni “Colline di Langa e del Barolo” la gestione associata di otto funzioni fondamentali su undici: organizzazione generale dell'Amministrazione, gestione finanziaria e contabile e controllo; pianificazione urbanistica ed edilizia di ambito comunale, partecipazione alla pianificazione territoriale di livello sovracomunale; organizzazione dei servizi pubblici di interesse generale di ambito comunale, ivi compresi i servizi di trasporto pubblico comunale; Polizia municipale e Polizia amministrativa locale; edilizia scolastica, organizzazione e gestione dei servizi scolastici; progettazione e gestione del sistema locale dei servizi sociali ed erogazione delle relative prestazioni ai cittadini; attività, in ambito comunale, di pianificazione di Protezione civile e di coordinamento dei primi soccorsi; servizi in materia statistica.

Le somme finanziate dalla Regione devono essere rendicontate dalle Unioni entro il 30 aprile 2021.

Nicolò Bertola

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium