/ Economia

Economia | 27 gennaio 2021, 07:25

Come Avviare una Startup da Zero: Guida Passo dopo Passo

Stai cercando informazioni su come avviare il tuo progetto di startup da zero? In questo articolo scoprirai come avviare l'attività dei tuoi sogni. Niente di complicato, solo una semplicissima indicazione

Come Avviare una Startup da Zero: Guida Passo dopo Passo

Startup da Zero: 7 Passaggi di Base

Lo sviluppo di piccoli progetti è una delle aree di business più popolari nella situazione economica attuale. Sono piuttosto flessibili dal punto di vista gestionale e differenti nella loro area tematica. Questo articolo è utile per chi vuole imparare ad avviare un'attività da zero.

1. Perché per i neofiti è meglio iniziare un'attività da zero?

Molte startup sono nate da idee insolite e audaci. Partendo da zero, ognuno di noi può trovare qualcosa di rivoluzionario e a volte stravolgere il mercato. Molti progetti di successo iniziano quando le startup creano ciò di cui hanno bisogno, e il mercato non può offrire un'opzione decente o almeno un'opzione adatta. Una giovane famiglia che ristruttura la propria casa non è riuscita a trovare le risorse giuste per creare gli interni desiderati, così ha creato la sua risorsa Houzz.

Il modello di business della tua startup lo costruisci tu stesso. Le azioni indipendenti permetteranno di distribuire e pianificare il budget nel modo più razionale possibile.

2. Come avviare la tua partenza da zero: primi 7 passaggi

Molte aziende startup si domandano: come si avvia la propria startup da zero? Ti proponiamo 7 passaggi efficaci per affrontare questa sfida.


2.1. Determina il tuo valore

È importante comprendere qual è l'obiettivo del tuo progetto. Pensiamo ai seguenti punti:

• Cosa rappresenterà la tua startup tra 3 o 5 anni?

• Come la immagini nel prossimo futuro?

• In cosa ti differenzi dai tuoi concorrenti?

• Per cosa ti stimano i tuoi clienti?

Comprendere tutto questo ti aiuterà a comprendere il valore della tua startup agli occhi dei clienti e dei partner. Il tuo obiettivo è quello di sviluppare un prodotto di qualità che possa interessare i tuoi clienti, svilupparsi rapidamente e generare profitti. Cerca di elaborare un piano dettagliato per far crescere bene la startup.

2.2. Analizza il mercato e scegli una nicchia

Una delle fasi più importanti della programmazione è l'analisi dei segmenti di mercato di interesse. Prendiamo ad esempio gli smartphone. Grazie ad un'analisi dettagliata, potrai scoprire se esiste una domanda per determinati modelli. Potrai anche determinare la nicchia in cui il tuo progetto potrà svilupparsi, e tu, di conseguenza, ne trarrai profitto. Forse dovrai adattare leggermente i tuoi piani originali, perché il mercato di cui hai bisogno potrebbe essere saturo. Allo stesso tempo, alcune nicchie o mercati correlati potrebbero essere particolarmente richiesti.

2.3. Individua una Proposta di Vendita Unica (USP)

Così, hai già deciso il mercato necessario, hai scelto una nicchia... In questo caso, il passaggio successivo sarà la scelta di una proposta di vendita unica. Dopo aver analizzato il mercato, riceverai informazioni sui concorrenti. Usa questi dati! Cerca di evitare errori da parte dei tuoi concorrenti e di creare un prodotto che sia vantaggiosamente diverso dagli altri.

Inoltre non dimenticare che esistono sempre quelle nicchie in cui puoi diventare un pioniere. Quando crei contenuti unici, una startup perde i suoi concorrenti: è piuttosto possibile che il mercato accolga un prodotto di questo tipo a "braccia aperte". Ma i concorrenti si presenteranno sicuramente. Pensa a quale sarà il tuo prossimo passo.

2.4. Prepara un business plan


Il successo negli affari dipende anche dalla fase di progettazione. Un business plan ti sarà di grande aiuto. Il suo obiettivo è:

• Sviluppare il concetto generale, così come una linea generale per lo sviluppo di una startup;

• Controllo sul processo di sviluppo della startup;

• Attirare investitori esterni al progetto;

• Ottenere prestiti dalla banca;

• Attirare clienti.

Quindi, il business plan è utile per attirare clienti e denaro, così come per le azioni interne.

2.5. Lancia pubblicità e cerca clienti

L'afflusso di clienti è in gran parte il risultato dell'efficacia della campagna pubblicitaria, ma come si ottengono gli indicatori necessari? Per fare questo, è consigliabile programmare in anticipo il modo in cui promuoverai il tuo prodotto.

• Un quadro del Pubblico Target: capendo qual è il tuo pubblico, puoi influenzarlo in modo più efficace

• Contatto personale: organizza una serie di incontri personali, fai un paio di telefonate a potenziali clienti, spedisci una serie di email e guarda la reazione ricevuta prima di avviare una vera e propria campagna pubblicitaria.

• Pubblicità mirata: questo tipo di pubblicità ti aiuterà ad attirare esattamente la parte di pubblico che sarà più interessata al tuo prodotto.

Affinché la tua pubblicità sia più efficace, è consigliabile utilizzare soluzioni di design uniche che ti rendano riconoscibile rispetto alla concorrenza: font, colori, loghi, ecc. Puoi provare a creare tu stesso uno stile, ma i risultati potrebbero non essere all'altezza delle aspettative. In questo caso, è meglio fidarsi dei designer o utilizzare uno dei generatori online, come Logaster.

2.6. Crea una base di clienti

A questo punto, la tua attività dovrebbe già essere operativa e, possibilmente, produrre i primi profitti. Ora devi recuperare il database da quei contatti che sono già tuoi clienti o che potrebbero diventarlo nel prossimo futuro. Una base di qualità ti aiuterà a tenere d'occhio il mercato e, se usata correttamente, porterà profitto dalle vendite e dalla distribuzione del prodotto. Una caratteristica chiave di tali database è che i clienti saranno i più interessati ai tuoi servizi e la pubblicità tra di loro sarà mirata.

2.7. Analizza i risultati e scala la tua attività business

In questa fase è importante vedere i risultati intermedi. Ricordati che l'analisi non deve essere soggetta a statistiche inutili, che deliziano la vista con dei bei numeri e basta. Bisogna sviluppare la propria startup! Trova i tuoi errori, pensa a come risolverli. Trova anche i punti di forza. Probabilmente è sui punti di forza che occorre concentrarsi.

Dopo aver riassunto e lavorato sui bug, devi sviluppare il passaggio successivo. Forse dopo un paio di mesi ti renderai conto che il piano originale non funziona. L'attività è in perdita e non prevedi alcun miglioramento nel prossimo futuro. Non disperare in queste situazioni! Avendo capito il problema, pensa a come correggere la tua situazione e a cosa cambiare. Cerca di fare qualcosa che sia richiesto.

Conclusione

È possibile che non ci sia una ricetta perfetta per creare una startup che possa funzionare al 100%. Ricorda che i rischi devono essere rimossi in ogni fase della realizzazione della tua startup. Non aver paura di prendere decisioni inconsuete. Cerca di consolidare il successo, pensa al futuro e poi il tuo progetto avrà sicuramente successo.




Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium