L'Internazionale di Alessio Ghisolfi | 27 gennaio 2021, 07:00

Giornata della Memoria: il rischio della banalità

Giornata della Memoria: il rischio della banalità

Le Giornate celebrative sono essenziali nella storia di una democrazia, in Italia e nel mondo.

Anche nelle monarchie, sebbene costituzionali, assolvono alla medesima funzione, che è appunto quella di ricordare e celebrare un accadimento, spesso doloroso, e che merita la giustizia della conoscenza.

Ma le Giornate sono costruite su eventi collaterali, recensioni ed eventi che possono, nel tempo, appesantire la “leggerezza” della Memoria storica, renderla obbligatoria e quasi scolastica.

Non siamo forse pervenuti a questa tappa, probabilmente quasi obbligata, anche nel caso della Shoah?

Chi scrive ha apprezzato e studiato il fenomeno con attenzione ed al fianco dei testimoni ma non ha mai sentito il peso dell’obbligo e dell’etichetta, che può asfissiare ed annientare il senso originario.

Forse la carrellata - sarebbe più corretto dire “cartellata” -  di film che ci vengono proposti, sempre gli stessi tra l’altro, non aiuta? 

Certamente le istituzioni non sono in grado di rendere interessante, ai più giovanissimi, la storia e questa pagina drammatica del novecento.

Il rischio è molto alto: che si guardi a questa giornata, ma sopratutto agli eventi collaterali, con rassegnata passività, disinteresse ed inevitabile sottovalutazione.

Oggi mancano i testimoni e mi pare che ancora non siamo in grado di rendere attuale il messaggio nato da quei momenti bui ed oscuri.

Se poi paragoniamo Greta ad Anna il contraccolpo è molto forte.

La storia è “ viva” e noi la stiamo celebrando come se fosse “morta”.

Chi si avvicinerebbe, capirebbe ed amerebbe un qualcosa di morto?

Pensiamoci.

Alessio Ghisolfi

Leggi tutte le notizie di L'INTERNAZIONALE DI ALESSIO GHISOLFI ›
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium