/ Attualità

Attualità | 20 febbraio 2021, 19:02

Nei comprensori sciistici del monregalese il primo atto per manifestare a sostegno della montagna

Prato Nevoso, Artesina a San Giacomo hanno aderito al flashmob indetto da ARPIET

Il flashmob a Prato Nevoso

Il flashmob a Prato Nevoso

Oggi pomeriggio si è tenuto il primo atto della protesta pacifica contro la chiusura degli impianti.

In diverse stazioni sciistiche del monregalese gli operatori del comparto, delle diverse categorie, si sono incontrati a braccia conserte per aderire al flashmob indetto da ARPIET e un segnale, in attesa della manifestazione di lunedì 22 febbraio a Cuneo.

Oltre a Prato Nevoso hanno aderito anche Artesina e il comprensorio di San Giacomo Cardini & Ski, dove commercianti, operatori del settore e il sindaco si sono fotografati tenendo in mano un cartello con su scritto "Il popolo della montagna", un segno per non essere dimenticati e far sentire la propria voce chiedendo rispetto per i paesi e le persone che tengono viva la montagna. 

L'appello da Artesina: "In campo si gioca il futuro di decine di migliaia di imprenditori, dei lavoratori e delle loro famiglie".

AP

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium