/ Attualità

Attualità | 21 febbraio 2021, 07:30

2020 intenso per la Croce rossa Paesana: 2504 servizi, 325 in più del 2019 (FOTO)

L’emergenza Covid porta un incremento degli interventi: sia di emergenza che non. La realtà paesanese in primissima linea nella lotta alla pandemia, ma al tempo stesso alla costante ricerca di nuove forze

Immagini di repertorio

Immagini di repertorio

2504 servizi. 325 in più rispetto al 2019.

Subiscono, con ogni probabilità per via dell’emergenza pandemica, un incremento del 15% gli interventi che i volontari ed i dipendenti della Croce rossa di Paesana hanno svolto nel corso del 2020.

La realtà paesanese, infatti, così come tutte le altre Cri e Pubbliche assistenze, si è ritrovata in primissima linea nella gestione dell’emergenza Covid.

Durante le due ondate di contagi da Sars-Cov-2 gli operatori della Cri Paesana hanno affrontato decine di interventi sul territorio. Paesana ospita infatti la postazione di Soccorso avanzato dell’emergenza sanitaria 118, che può contare sulla presenza, 24 ore su 24, 365 giorni all’anno, di un medico 118, affiancato da un autista soccorritore di Croce rossa e, il sabato, domenica e nei giorni festivi, da un infermiere del 118.

L’equipe si muove a bordo di un’automedica, che interviene in caso di emergenza sanitaria, nei comuni di Crissolo, Oncino, Ostana, Paesana, Sanfront, Gambasca, Martiniana Po, Rifreddo, Barge e Bagnolo Piemonte. E, all’occorrenza, anche al di fuori dalla zona di competenza (si sono registrati anche interventi nella vicina provincia di Torino).

Oltre a ciò, a Paesana è presente anche un mezzo di soccorso di base, l’ambulanza con a bordo solo personale Cri, a disposizione della centrale operativa dell’emergenza sanitaria 118 in base proprio alla disponibilità dei volontari.

Non solo, però. I vertici della sede Cri paesanese sono infatti sempre stati in stretto contatto con l’Amministrazione comunale e con il sindaco Emanuele Vaudano sin dalla prima apertura del Centro operativo comunale di Protezione civile.

E, da marzo 2020, hanno attivato un servizio di consegna a domicilio di farmaci, alimenti e generi di prima necessità, al fine di andare incontro alle esigenze delle persone in difficoltà come anziani soli o persone malate con patologie importanti per le quali è vivamente sconsigliato uscire di casa.

Durante la prima ondata di contagi, i volontari hanno ritirato direttamente nei negozi o nelle farmacie della Valle i prodotti ordinati, al telefono, dai cittadini per poi recapitarli a domicilio. Un'iniziativa che si è tradotta in 91 servizi (con 1778 chilometri percorsi) sull'arco dei quattro mesi: 53 consegne di farmaci a domicilio, 26 consegne di generi alimentari e beni di prima necessità, 3 ritiri della pensione mensile e 4 ritiri di referti ospedalieri.

Tornando al bilancio complessivo dell’attività svolta nel 2020, gli interventi di soccorso avanzato, effettuati con automedica e con equipe sanitaria a bordo, sono stati 1035, per un totale di 31110 chilometri percorsi. 386 gli interventi, su attivazione della centrale operativa 118, effettuati con le ambulanze di base, con una percorrenza di 22573 chilometri. Di questi, Nei quattro mesi ascrivili alla prima ondata, l’automedica ha effettuato 366 interventi, mentre l’ambulanza di base ha toccato quota 106 uscite.

Non solo emergenza, dal momento che la Croce rossa svolge anche l’importantissimo servizio di trasporto in ospedale in caso di visite, esami, terapie ricoveri o interventi programmati. Nel 2020 i servizi di questo tipo sono stati 394, con 36348 chilometri percorsi, ai quali vanno ad aggiungersi i trasporti di pazienti dializzati in terapia negli ospedali di Saluzzo e Savigliano: 319 trasporti, 25461 chilometri percorsi. Una “macroarea” dell’operato Cri che si traduce in 713 servizi totali, per complessivi 61809 chilometri.

Nei mesi da marzo a giugno, volontari e dipendenti della Croce Rossa di Paesana sono stati visti impegnati in 655 servizi, mentre sono stati 92 i trasporti “ordinari” in ospedale, in caso di visite o ricoveri programmati: “Un numero inferiore rispetto alla media – spiegano dalla Croce Rossa – dovuto alla sospensione delle visite non urgenti”. Sempre in questi quattro mesi, i volontari a bordo dei mezzi della Croce Rossa hanno percorso 36.741 chilometri.

Il parco mezzi della Cri paesana conta su due ambulanze, due automediche (una in uso per il servizio di soccorso avanzato 118 e una a disposizione come muletto, in caso di guasti o manutenzioni programmate), una vettura per il trasporto disabili, dotata di pedana elettrica per il sollevamento di pazienti in sedia a rotelle, e tre auto (due Fiat Panda 4x4 e un Fiat Qubo).

La Croce rossa di Paesana (così come la sede Cri di Barge) fa parte del Comitato Cri di Racconigi. All’interno del Consiglio direttivo del Comitato, guidato dal presidente Livio Ferrara, siedono il vicepresidente Bernardino Luino (della Cri Racconigi), due consiglieri paesanesi – Silvana Beitone e Martina Rossa, quest’ultima in rappresentanza dei giovani – e un consigliere bargese, Paolo Peirone. Un Direttivo che rappresenta con omogeneità la tre sedi Cri, e che porta avanti la gestione del Comitato, in forma unica, sia dal punto di vista amministrativo che dal punto di vista economico.

Il 2020 è stato un anno sicuramente intenso, dia per la mole di servizi, ma ancor più psicologicamente, ed ha catapultato i volontari in un’emergenza senza precedenti.

Per questo – ci dicono i consiglieri Beitone e Rossa – vogliamo ringraziare tutti i nostri volontari ed i nostri dipendenti, per il grande spirito di abnegazione e sacrificio che ci ha permesso di affrontare periodi sicuramente non facile.

Così come vogliamo davvero ringraziare quanti, nel corso dell’anno ci sono stati vicini con donazioni che hanno permesso di acquistare attrezzature e beni per la nostra sede e per i nostri mezzi”.

Dalla Cri paesanese, però, giunge un nuovo appello: “I servizi sono sempre tantissimi, la gente ha bisogno di noi, e quindi siamo alla costante ricerca di nuove forze per implementare il nostro organico”.

Chi, quindi volesse entrare a far parte di questa importante realtà territoriale, può recarsi direttamente presso la sede Cri, in via Erasca, per chiedere tutte le informazioni del caso ed eventualmente compilare la domanda di iscrizione.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium