/ Attualità

Attualità | 21 febbraio 2021, 12:15

La mia vita scandita dai treni: l’incredibile storia del modellista Mario Pirra (VIDEO)

Tanto amato all’esterno quanto dimenticato in patria. Nel cortile di casa sua una locomotiva a vapore perfettamente funzionante in scala 1:2. Un patrimonio che andrebbe valorizzato e preservato

La locomotiva 130 tipo Mogul di Mario Pirra

La locomotiva 130 tipo Mogul di Mario Pirra

“Da bambino abitavo vicino allo scambio della ferrovia e, fin da quando avevo 2 anni, passavo le mie giornate a correre dietro al treno che andava verso Cuneo”. Così inizia la “malattia” per i treni di Mario Pirra: pensionato classe 1946, creatore di macchine in scala. 

Residente a Fossano, dopo l’avviamento scolastico lavora prima come tornitore poi alla Michelin e alla FIAT Ferroviaria di Savigliano, conclude poi la sua esperienza lavorativa come artigiano. In questo suo ultimo periodo lavorativo Pirra si occupa della manutenzione di macchine industriali e della costruzione di macchine di vario genere. “Un giorno riparai anche un’auto a vapore del 1899” racconta.

Se la passione per i treni viene coltivata fin da tenera età, quella per il modellismo nasce un po’ più tardi quando, recatosi a Genova, incontra un gruppo di appassionati nati ancora nel tardo 800. “Sono stati questi signori, che io oggi ancora rispetto, ad indirizzarmi verso il modellismo attivo e tramite loro ho avuto i disegni per alcuni miei progetti”.


Ora la sua abitazione di via Centallo si mostra quasi come un museo: modellini di treni costruiti da lui, trattori d’epoca, un cannone napoleonico funzionante nel suo garage, fari storici, disegni tecnici di locomotive, pianoforti tardo settecenteschi, divise storiche dei Carabinieri, moschetti a pietra focaia e tanto altro ancora.

Il pezzo forte del suo repertorio però si trova nel cortile esterno: una locomotiva 130 tipo Mogul in scala 1:2. Con un peso di 7 tonnellate circa, è alta 2,85m, larga 1,6m e lunga 7,5m, tender del carbone compresso, è dotata anche di carrozza lunga 9,5m. A pieno carico è in grado di trasportare fino a 35 persone.

Una conoscenza pratica, fondata sulla passione e sull’amore verso quello che si fa, quella del pensionato fossanese. Dai disegni tecnici, ancora di quelli fatti a mano, nel garage di casa sua replica in scala le locomotive a vapore di tutta Europa. Queste vecchie macchine, non hanno segreti per Mario Pirra che in Francia e Spagna viene portato “sul palmo di mano” come direbbe lui, benché non abbia mai lavorato propriamente per le ferrovie.  

Insieme ad alcuni amici, presso il vecchio convento di Busca, ha realizzato un circuito per treni nel quale può transitare anche una delle sue locomotive in scala e trasportare decine di appassionati.

Nel tempo sono state numerose le collaborazioni con musei ferroviari oltre confine i quali, gli affidavano, e gli affidano tuttora, la manutenzione meccanica delle vere locomotive a vapore. Un personaggio che meriterebbe lo stesso trattamento anche in patria. “Una volta all’anno vado nel più grande museo ferroviario di Spagna. Li non fanno salire nessuno sulle macchine, a me fanno fare quello che voglio. Mi hanno preso in grazia e mi vogliono bene” il commento di Pirra.

“Negli anni ’90, ai Salesiani abbiamo fatto l’ExpoModel: la più grande mostra italiana di modellismo. Aveva caratura europea e portavamo a Fossano dalle 8 alle 10 mila persone. Davanti al Duomo avevamo esposto anche la mia locomotiva con il vagone”. A Mario Pirra spettò anche l’onore di essere uno dei conduttori che, più di 40 anni fa, inaugurò la tratta Cuneo-Ventimiglia.

Parlando con il signor Pirra, si viene coinvolti nella passione verso opere ingegneristiche dal fascino intramontabile come le locomotive a vapore. Nella sua abitazione risiede un vero e proprio patrimonio, anche tratti di storia di questa terra, che meriterebbero maggior valorizzazione.

MP

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium