/ Attualità

Attualità | 22 febbraio 2021, 20:26

Amazon a Cuneo? Borgna: "Formalmente non siamo a conoscenza dell'acquisto di terreni sul nostro territorio"

Nel consiglio comunale il sindaco ha risposto all'interpellanza di Laura Peano (Lega); si è conclusa a febbraio, ed è stata vinta dalla ditta Scannell, la gara indetta dal MIAC per la valorizzazione immobiliare di un terreno di 90.000 metri quadri

Foto generica

Foto generica

Come amministrazione comunale non siamo formalmente a conoscenza dell’acquisto da parte di Amazon di terreni sul nostro territorio”.

Non lascia spazio a molti dubbi la risposta del sindaco Federico Borgna all’interpellanza conoscitiva discussa in consiglio comunale e presentata da Laura Peano (Lega), incentrata sulla ricerca di conferme rispetto al possibile interessamento della multinazionale Amazon all’acquisto di un terreno nell’area del MIAC di frazione Ronchi.

Il commercio locale già subisce la concorrenza dei grandi canali di distribuzione online, specie in questo momento di crisi; nel caso le notizie informali in nostro possesso siano confermate serve tutelare il tessuto economico della nostra città intraprendendo un lavoro di concerto con le associazioni di categoria prima di intraprendere qualunque decisione – ha detto Peano - . La Lega non è contraria all’arrivo sul territorio di potenziali posti di lavoro o sbocchi economici, ma si parla di una notizia potenzialmente molto importante”.

I commercianti, in questo periodo di difficoltà, sono stati abbandonati dalle associazioni di categoria che sembrano del tutto scomparse – ha aggiunto “Beppe” Lauria - : il sistema chiuso imprenditoriale deve per forza fare i conti con la mutata realtà attuale, ed evolversi per fronteggiare la concorrenza. Insomma, l’amministrazione deve proteggere il tessuto economico ma anche non iniziare una guerra “ai mulini a vento” tanto per fare: se Amazon non viene qui ma compra a Borgo San Dalmazzo, che differenza fa?”.

Ugo Sturlese ha ricordato la commissione dello scorso dicembre in cui i nuovi vertici del MIAC hanno presentato la società, illustrando diverse proposte che puntavano, anche, al valorizzare il polo agroalimentare e l’attività di macellazione. “Per finanziare questi progetti si vogliono usare risorse territoriali, cioè relative al suolo, ma sarebbe da valutare se Cuneo non abbia già sovrabbondanza di presenza della grande distribuzione e se questo non possa non possa arrivare a danneggiare le piccole attività”.

- LA RISPOSTA DEL SINDACO

Borgna, dopo aver chiarito la posizione dell’amministrazione rispetto alle notizie riportate dalla Peano, ha fatto chiarezza rispetto ai passaggi relativi al MIAC, che è società ampiamente partecipata dal Comune: “Durante l’assemblea dei soci dello scorso novembre abbiamo dato mandato alla governance di procedere con la valorizzazione immobiliare di un’area di terreno di 90.000 metri quadri dal valore commerciale di circa 4 milioni di euro – ha detto il sindaco - . Un bando è stato quindi lanciato per la cessione dell’area, che si è chiuso a inizio febbraio e ha visto come unico partecipante la società immobiliare Scannell: non è niente che non sia stato previsto dal piano industriale presentato in commissione, e le associazioni di categoria sono rappresentate in assemblea”.

Il sistema produttivo cittadino vive con forza la competizione con realtà come Amazon, ma la sfida per il la Cuneo “post-Covid” e per i suoi servizi, che sono basati su una popolazione di 113.000 abitanti e sui dati pre-pandemici, deve essere quella di mantenere la propria attrattiva e, anzi, il più possibile svilupparla” ha concluso il sindaco.

simone giraudi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium