/ Saluzzese

Saluzzese | 23 febbraio 2021, 18:30

La candidatura di Saluzzo Monviso 2024 approda in Consiglio comunale

Interpellanza di Fulvio Bachiorrini e Alessandra Piano circa la candidatura della Città e delle Terre del Monviso a capitale italiana della Cultura 2024

L'home page del sito saluzzomonviso2024.it

L'home page del sito saluzzomonviso2024.it

Si parlerà, con ogni probabilità, anche della candidatura di Saluzzo a capitale italiana della Cultura del 2024 nel Consiglio comunale in programma domani sera (mercoledì) alle ore 18.

Tra i 12 punti all’ordine del giorno potrebbe infatti rientrare anche l’interpellanza presentata da Fulvio Bachiorrini (Forza Italia) e Alessandra Piano (“Il coraggio di fare”).

“Abbiamo preso atto – spiegano i consiglieri d’opposizione – della candidatura di Saluzzo e delle Terre del Monviso a capitale italiana della Cultura 2024. E che proprio la candidatura ha, tra gli obiettivi, quello di valorizzare i beni culturali e paesaggistici e migliorare i servizi rivolti ai turisti”.

Tra le premesse, la “necessità di sviluppare da parte del comune di Saluzzo una politica di valorizzazione del territorio coinvolgendo tutte le comunità locali diverse per celebrare la cultura” e  la “necessità di integrare e coagulare i rapporti tra le terre alte/medie e di fondo valle con la pianura, che caratterizzano il territorio saluzzese”.

“È fondamentale – aggiungono Bachiorrini e Piano – l’alleanza strategica con le realtà produttive e industriali, nonché istituzionali, della Provincia di Cuneo. Le progettualità di area vasta devono vedere il coinvolgimento stretto di tutte le realtà istituzionali, anche oltre a quelle che si richiamano alla Comunità delle Terre del Monviso. Tale evento richiede una notevole capacità ricettiva del territorio”.

E ancora: “È opportuno da parte del territorio un sostegno e una partecipazione attiva alla candidatura, promuovendo partnership ai diversi livelli territoriali per favorire la collaborazione: è necessario raccogliere le istanze di tutte le realtà istituzionali del territorio per avere una condivisione il più possibile unanime”.

I consiglieri poi si rifanno alla delibera della Giunta comunale che “predispone una programmazione (road-map) per la stesura del dossier di candidatura”, “all’istituzione di un comitato promotore” e alla necessità di “istituire una segreteria operativa-organizzativa, organo fondamentale per il coordinamento di tutte le attività, coordinata da un direttore culturale”, per chiedere al sindaco Mauro Calderoni di relazione in Consiglio su alcuni aspetti.

Le domande: “Come procedono gli incontri sul territorio, considerato che ne era prevista la conclusione per la metà di febbraio? Qual è stata la disponibilità (interlocuzione) del mondo accademico a sostegno della candidatura? Quali sono i criteri di scelta per la costituzione del comitato promotore? Come verrà organizzata la struttura organizzativa e da chi sarà costituita? L’'iniziativa è stata condivisa con le altre realtà più rappresentative della Provincia di Cuneo? Qual è il piano finanziario per il sostegno economico di tale candidatura in termini di impegno di spesa? Qual è, in termini di stima, la capacità ricettiva dell’area saluzzese? Quali sono gli altri Comuni italiani che intenderebbero aderire al bando capitale della Cultura italiana 2024?”.

Se ne parlerà in Consiglio.

Telegrafico, nell’attesa dell’assise, il commento del sindaco Calderoni: “Ci fa piacere l’interesse da parte delle minoranze. La candidatura è un processo collettivo che riguarda tutta la Comunità e specialmente il suo futuro”.

Ni.Ber.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium