/ Attualità

Attualità | 01 marzo 2021, 16:24

Ha mosso i suoi primi passi nel Cuneese il generale nominato da Draghi per l'emergenza Covid

Il generale di Corpo d'Armata Francesco Paolo Figliuolo comincia la sua carriera presso il Gruppo Artiglieria “Aosta” a Saluzzo, per divenirne Comandante, nella sede di Fossano, negli anni 1999-2000, periodo in cui conduce l’unità in missione in Kosovo, nell’enclave serba di Goradzevac (Pèc). Comandante del I Reggimento di artiglieria da montagna di Fossano negli anni 2004-2005, dal settembre 2009 all’ottobre 2010 ricopre l’incarico di Vice Comandante della Brigata “Taurinense” per assumerne, senza soluzione di continuità, il Comando sino all’ottobre 2011

Foto tratta dal sito www.esercito.difesa.it

Foto tratta dal sito www.esercito.difesa.it

E' di poco fa la notizia che vede la nomina del nuovo Commissario straordinario per l’emergenza coronavirus nominato dal premier Mario Draghi e che subentrerà a Domenico Arcuri.     

Si tratta del generale di Corpo d'Armata Francesco Paolo Figliuolo. Originario di Potenza e residente a Torino ha mosso i suoi primi passi in carriera nel cuneese come si legge dalla pagina di presentazione sul sito dell'esercito. E' sposato con la moglie Enza ed ha due figli: Salvatore e Federico.

"Il Generale Francesco Paolo Figliuolo - si legge - ha maturato esperienze e ricoperto incarichi molteplici e diversificati, in ambito Forza Armata Esercito, interforze e internazionale."

"Ufficiale di artiglieria da montagna - continua la presentazione del generale - svolge le primissime esperienze di comando presso il Gruppo Artiglieria “Aosta” a Saluzzo, per divenirne Comandante, nella sede di Fossano, negli anni 1999-2000, periodo in cui conduce l’unità in missione in Kosovo, nell’enclave serba di Goradzevac (Pèc). Comandante del I Reggimento di artiglieria da montagna di Fossano negli anni 2004-2005, dal settembre 2009 all’ottobre 2010 ricopre l’incarico di Vice Comandante della Brigata “Taurinense” per assumerne, senza soluzione di continuità, il Comando sino all’ottobre 2011."

"Alterna ai precedenti periodi esperienze ad ampio spettro nei campi della formazione di base e avanzata degli Ufficiali dell’Esercito - si legge - presso la Scuola di Applicazione di Torino, della pianificazione operativa e dell’addestramento in ambito NATO, presso il Joint Command South di Verona e, non ultimo, della logistica, ricoprendo le funzioni di Capo Ufficio Logistico del Comando delle Truppe Alpine ed in seguito quelle di Capo Ufficio Coordinamento del IV Reparto Logistico dello Stato Maggiore dell’Esercito, dove assumerà i successivi incarichi di Vice Capo Reparto dal novembre 2011 all’agosto 2014 e Capo Reparto dall’agosto 2015 al maggio 2016."

"Ricopre - infine - sino al 5 novembre 2018 l’incarico di Capo Ufficio Generale del Capo di Stato Maggiore della Difesa, in un momento di fondamentale trasformazione delle Forze Armate in chiave interforze. Dal 7 novembre 2018 è Comandante Logistico dell’Esercito. Di rilievo l’esperienza internazionale quale Comandante del Contingente nazionale in Afghanistan, nell’ambito dell’operazione ISAF (ottobre 2004 - febbraio 2005) e quella diciannovesimo Comandante delle Forze NATO in Kosovo (settembre 2014 – agosto 2015), nella stessa area di crisi balcanica che lo aveva già visto impegnato agli inizi degli anni 2000, quale Comandante della Task Force “Istrice” in Goradzevac e, precedentemente, nel ’99, nell’ambito dell’organizzazione logistica del Comando NATO-SFOR in Sarajevo. Appassionato di lettura e sport, pratica nuoto e sci di cui è istruttore militare"

A lui toccherà il compito di affrontare la "terza ondata" pandemica, ma, soprattutto, la campagna vaccinale.

Daniele Caponnetto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium