/ Attualità

Attualità | 04 marzo 2021, 09:58

"Il Magico Paese di Natale" allarga i suoi confini ad Asti e Prato Nevoso

La rassegna di Govone scommette sul dopo pandemia portando il suo mercatino nella città dell’Alfieri e iniziative a tema nella località sciistica. L’obiettivo è arrivare ai 400mila visitatori entro l’edizione 2023

"Il Magico Paese di Natale" allarga i suoi confini ad Asti e Prato Nevoso

Una notizia che porta un barlume di ottimismo, in un periodo nel quale la pandemia non accenna ad allentare la pesante cappa calata su una moltitudine di eventi e sull’intero comparto del turismo.

Forte anche delle sinergie portate dalla creazione di un unico Ente Turismo e della necessità di ampliare i propri spazi, il "Magico Paese di Natale" di Govone (11° nella classifica dell’European Best Destination all’interno del contest Best Christmas Market 2021) ha deciso di allargare i propri confini, programmando per la sua edizione 2021 iniziative che coinvolgeranno anche la vicina Asti, arrivando sino alle montagne di Prato Nevoso.

L'Associazione Culturale Generazione, organizzatrice dell’evento nato 15 anni fa negli spazi della reggia sabauda patrimonio Unesco, ha pensato di coinvolgere un’area più vasta e più idonea ad accogliere i turisti che lo scelgono come meta di viaggio e, per garantire continuità territoriale, l’idea è stata quella di mantenere una parte dell’evento nel suggestivo luogo dove la manifestazione è nata, Govone, e di spostare però il suo mercatino nella città dell’Alfieri.

Qui si concentreranno i 200 espositori, accuratamente selezionati attraverso un bando, attesi al mercatino nelle date comprese tra il 12 novembre e il 19 dicembre prossimi. Cinquanta rimarranno per tutto il periodo, mentre i restanti chalet apriranno solamente nei giorni festivi. La zona interessata sarà quella compresa tra corso Alfieri, piazza Alfieri e piazza Cairoli. Diverse iniziative faranno da corollario all'evento astigiano, al quale è attesa anche la presenza di una regione ospite.

La residenza govonese rimarrà comunque il cuore dell’iniziativa, continuando a ospitare la casa di Babbo Natale, iniziative di animazione, mostre di presepi e attività di laboratorio, mentre il nuovo format della rassegna guarderà pure a Prato Nevoso con l’idea di proporre – si legge nella proposta presentata all'Amministrazione astigiana – un’opportunità turistica "completa e suggestiva", che coinvolga un target "trasversale ed esclusivo", mediante iniziative in parte già in essere per l’intrattenimento delle famiglie in località sciistiche e di divertimento, proposte di pacchetti soggiorno che prevedano la permanenza nell’area del comprensorio sciistico, l’inserimento di attività outdoor per famiglie e coppie, e un focus specifico sul Natale, con cene a tema in baita, animazioni con personaggi in costume e altro ancora.

Il proposito è quello di aumentare il valore e l’opportunità di soggiorno per i turisti, con l'obiettivo di diventare, nel giro di tre anni, la più importante manifestazione natalizia internazionale, inserita nello splendido territorio di Langhe, Roero e Monferrato.

La previsione degli organizzatori riguarda anche presenze e ricadute sul territorio. Se, prima dello stop del dicembre scorso, l’edizione 2019 aveva visto il "Magico Paese" superare ancora i 200mila visitatori raggiunti dodici mesi prima, le stime del sodalizio guidato dal presidente Pier Paolo Guelfo sono di una manifestazione che entro il 2023 potrebbe arrivare a portare nelle tre località qualcosa come 400mila visitatori l’anno, con ricadute di 40 milioni di euro per edizione.

La proposta arrivata dal Roero ha trovato favorevole accoglienza dal Comune comunale astigiana: "L’iniziativa può essere un valido strumento per incrementare l’affluenza turistica in un periodo solitamente deficitario e per promuovere e far conoscere le bellezze artistiche e culturali della città con risvolti positivi sotto il profilo dello sviluppo e della promozione economica e turistica del territorio, rilanciando così il territorio astigiano particolarmente colpito dalla recente emergenza sanitaria".

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium