/ Attualità

Attualità | 18 marzo 2021, 18:53

Latte in polvere, per Coldiretti Cuneo "la seconda torre valorizzerà ulteriormente il prodotto locale"

Un investimento di 148 milioni di euro che rafforzerà ulteriormente la filiera lattiero – casearia cuneese, da oltre dieci anni la sinergia tra Coldiretti, Compral Latte, Inalpi tra innovazione e lungimiranza

Foto generica

Foto generica

La strada della qualità, della sostenibilità e dell’equa remunerazione a tutti gli attori della filiera restano elementi imprescindibili per una crescita che porta benefici al territorio e all’intera economia della nostra regione”.

È quanto commenta Roberto Moncalvo, Delegato Confederale di Coldiretti Cuneo, relativamente al progetto della seconda torre di sprayatura che vede, nel quinquennio 2021-2025, un investimento comunicato da Inalpi di 148 milioni di euro che comprende, tra l’altro, un caseificio innovativo, l’impianto di produzione di lattoferrine che proteggono i neonati da infezioni dell’apparato gastrointestinale, l’ampliamento del centro ricerche e sviluppo ed interventi di efficientamento energetico.

La prima torre di polverizzazione è attiva da oltre 10 anni ed ha portato ad avere la polvere di latte 100% Made in Cuneo grazie alla sinergia tra Coldiretti, Compral Latte, Inalpi e Ferrero S.p.A.

Bene, quindi, il coraggio – continua Moncalvo - in un momento così difficile, dell’agroindustria per il rafforzamento di questa progettualità con l’implementazione della capacità produttiva sulla scia della prima esperienza che, basandosi sul prezzo indicizzato del latte, ha garantito, a prescindere dall’andamento altalenante del mercato, il valore reale di quanto conferito dai nostri allevatori per valorizzare la produzione di latte cuneese che conta numeri importanti”.

La filiera lattiero-casearia nella nostra Provincia – fa notare Fabiano Porcu, Direttore di Coldiretti Cuneo – conta 950 aziende specializzate nella produzione di 6 milioni di quintali di latte vaccino che vengono suddivisi tra polvere di latte (20%), latte alimentare (25%) e caseificazione (55% di cui il 25% per le produzioni DOP). L’obiettivo primario, sposato anche dall’agroindustria virtuosa del nostro territorio, è quello di offrire ai consumatori prodotti di alta qualità e sostenere concretamente il Made in Cuneo proprio attraverso questi progetti di filiera con un’attenzione anche all’alimentazione dei più piccoli”.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium