Al Direttore - 07 aprile 2021, 15:30

25 giorni di ricovero al Carle per Covid: "Grazie agli angeli in camice bianco"

Riceviamo e pubblichiamo da parte di un lettore: "Solo in ospedale, fra chi cura e chi soffre, si riesce a riconoscere quanto poco nella vita normale, ciascuno di noi abbia fatto a favore del nostro prossimo"

L'ospedale Carle di Cuneo

L'ospedale Carle di Cuneo

 

Egregio Direttore,

sono uscito da una grave e dura esperienza di 25 giorni di ospedale al reparto infettivi del Carle di Cuneo, per insufficienza respiratoria causata da polmonite correlata a Covid. Medici, infermiere ed infermieri, addetti vari ai servizi sanitari hanno tutti contribuito con tanta capacità ed amorevolezza a ridarmi la vita. Non faccio nomi perché dimenticherei qualcuno, ma a questi autentici “ angeli” va il mio più grato doveroso pensiero e riconoscimento.

Solo chi passa per una simile esperienza al Reparto infettivi-Covid può comprendere la competenza, l’impegno, la dedizione di tutti coloro che nell’ospedale lavorano. In più si riscontra che le spese per la sanità sono fra le più necessarie e giustificate; apparecchiature e attrezzature al servizio dei pazienti sono vitali oltre ad essere di concreto conforto. Chi è fortunatamente fuori dall’ospedale, per ignoranza, indifferenza o superficialità, non riesce a capire la professionalità, le condizioni di lavoro e l’umanità di questi angeli in camice bianco.

Un ultimo pensiero: solo in ospedale, fra chi cura e chi soffre, si riesce a riconoscere quanto poco nella vita normale, ciascuno di noi abbia fatto a favore del nostro prossimo.


Paolo Chiarenza

Busca

lettera firmata

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU