/ Attualità

Attualità | 10 aprile 2021, 19:28

Vaccinazione degli over 70 a Fossano: perché solo 3 medici nella sede della Protezione Civile?

Le ragioni riguarderebbero la mancata iscrizione da parte di molti dottori al portale della regione Piemonte

Vaccinazione degli over 70 a Fossano: perché solo 3 medici nella sede della Protezione Civile?

Istanti concitati  a Fossano durante la vaccinazione degli over 70 presso la sede della Protezione Civile oggi, sabato 10 aprile.


Giorno in cui i medici Luigi Campanella, Giorgio Serra e Marinella Bianco hanno provveduto all’inoculazione dei propri assistiti con età compresa tra 70 e i 79 anni. Purtroppo però, benché siano medici affiliati alla società “Medici Insieme”, sono gli unici che hanno provveduto alla vaccinazione dei propri pazienti.

Questo perché il medico di Medicina Generale, affinché possa vaccinare i propri assistiti, deve iscriversi al portale della regione il quale in automatico restituisce l’elenco, per fasce di età, delle persone da inoculare. Nel caso in cui i medici non aderiscano a questo portale, la responsabilità degli assistiti è presa in carico dall’ASL.

Si è tenuto così un incontro, che ha visto la presenza di: Antonio Miglio, Gianfranco Mondino, Roberto Gagna, Giorgio Maria Bergesio, Dario Tallone e Giuseppe Guerra, presso la sede della Protezione Civile di via Mondovì a Fossano. Attraverso un più che acceso dibattito, il presidente della CRF ha avuto modo di confrontarsi e chiarirsi con il commissario straordinario per l'emergenza Covid-19, dell'ASL CN1, sul perché nella giornata di oggi fossero solo 3 i medici che hanno provveduto alla vaccinazione dei propri assisti.

Guerra, dal canto suo, ha chiarito che se i medici non si iscrivono al portale, non possono ricevere l’elenco con i pazienti da vaccinare e tanto meno le dosi vaccinali. Il servizio non è previsto nemmeno come volontariato dal momento in cui si deve accedere tramite ASL. Miglio ha dunque potuto appurare che Bianco, Campanella e Serra hanno potuto inoculare i propri assisti poiché iscritti al portale e dunque hanno la possibilità di ricevere le fiale vaccinali che sono registrate per medico di famiglia.  

Interpellato il dottore Giorgio Cagnazzo commenta: “per un accordo tra sindacati e Regione, a noi medici è pervenuta la seguente domanda ‘sei disponibile a vaccinare nel tuo studio?’. A domanda specifica, non potendo garantire la sicurezza dei pazienti e delle strutture, in molti medici hanno risposto ‘No’. Abbiamo cercato di ovviare a questa situazione organizzando un Vax-Day ma non è stato reso possibile. Certamente da parte nostra c'è la volontà di vaccinare.” giustificando così la mancata partecipazione di molti medici fossanesi.

Il primo cittadino Tallone dichiara:”mi auguro che i medici, i quali non hanno effettuato l’accesso al portale, si iscrivano immediatamente, diversamente i loro assistiti verranno presi in carico dall’ASL. Un sentito ringraziamento va a Roberto Gagna e a tutti i volontari della Protezione Civile, a Giuseppe Guerra e alla fondazione Cassa di Risparmio di Fossano per l’acquisto di parte delle strutture presenti”.

“L’importante è vaccinare - ha commentato il commissario straordinario Guerra -. L’hub fossanese per il processo di vaccinazione dell’ASL, al più presto, verranno trasferite le 2 linee vaccinali nella sede della Protezione Civile, con la possibilità di aggiungerne una terza”.

MP

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium