/ Economia

Economia | 13 aprile 2021, 19:40

Ferrero alla sfida dei gelati: lancio in Italia, Germania, Austria e Spagna per i nuovi stecchi e ghiaccioli all’Estathé

In corso lo sbarco sugli scaffali della grande distribuzione dei nuovi prodotti estivi coi quali la multinazionale albese guarda a un mercato che solo in Italia vale 1,9 miliardi di euro

Ferrero alla sfida dei gelati: lancio in Italia, Germania, Austria e Spagna per i nuovi stecchi e ghiaccioli all’Estathé

E’ un mercato che solamente nel nostro Paese vale 1,9 miliardi di euro quello cui Ferrero guarda mentre annuncia il suo ingresso diretto nella produzione e distribuzione di gelati confezionati.
Un passo ampiamente annunciato, quello riguardante questa ennesima diversificazione nel catalogo di prodotti del colosso di Alba, anticipato dalla partnership stretta negli scorsi anni col colosso spagnolo Algida e proseguito nel 2019 con l’acquisizione della Ice Cream Factory Comaker (Icfc), produttore spagnolo con 55 anni di esperienza, fino al lancio odierno, che oltre all’Italia interesserà anche Francia, Germania, Austria e Spagna.

L’obiettivo della multinazionale langarola è quello di diventare un attore importante in special modo nell’ambito dei gelati confezionati venduti attraverso il canale della grande distribuzione organizzata (Gdo), segmento cui Ferrero – che già vi è presente come terzo gruppo per dimensione nella categoria del "dolciario confezionato" – guarda con particolare attenzione, dato che dai suoi scaffali passa il 60% dei gelati confezionati consumati nel nostro Paese.

Due le categorie merceologiche attraverso le quali si compirà la strategia per l’imminente lancio dei nuovi prodotti a marchio. La prima è quella degli "stecchi", che da sola vale il 18% del mercato. L’industria della Nutella punterà ad accaparrarsene una parte declinandovi la sua consolidata eccellenza nella produzione di praline. Da qui la concezione del "Ferrero Rocher" realizzato con gelato alla nocciola racchiuso in una copertura di granella di nocciole tostate e cioccolato (al latte o fondente a seconda delle versioni: "Classic" e "Dark"), e quella del "Raffaello", altra variante ispirata a un’eccellenza della casa, realizzata con gelato al cocco ricoperto di scaglie di cocco e mandorle.

La seconda è quella dei ghiaccioli, che valgono invece il 7% del mercato complessivo. Qui la proposta è invece quella di "Estathé Ice", nei gusti limone e pesca, che Ferrero ha già sperimentato negli ultimi anni con alcuni lanci limitati. Come già per la l’omonima bevanda, "Estathé Ice" avrà una caratteristica che, come rimarca l’azienda, lo renderà "unico sul mercato", considerato che si tratta di "un vero infuso di foglie di thè, unito a un vero succo di limone e pesca".

Concepiti a partire da ricette sviluppate da un team dedicato all’interno dei laboratori Ferrero e perfezionate grazie alle sinergie con Ice Cream Factory Comaker, i gelati Ferrero saranno prodotti nello stabilimento spagnolo di Alzira, in provincia di Valencia, dove il gruppo ha allestito una linea totalmente nuova, caratterizzata da impianti innovativi e da un alto grado di automazione, realizzando anche un nuovo stabilimento completamente dedicato alla copertura di cioccolato degli stecchi, per garantirne gusto e croccantezza.

"Alla base dei gelati Ferrero –
rimarca l’azienda – ci sono sempre il gusto e la qualità, che passano attraverso la scelta di ingredienti attentamente selezionati, dalla cura del dettaglio, dal controllo maniacale in ogni fase del processo produttivo e da lunghissime sperimentazioni, così da garantire sempre al consumatore l’eccellenza e la massima soddisfazione, in stretta coerenza con quello che da sempre è la filosofia aziendale".

Ezio Massucco

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium