/ Economia

Economia | 14 aprile 2021, 11:47

Banca di Cherasco supera quota 15mila soci e apre la terza filiale a Torino

Positivi risultati economici nel bilancio che l’istituto di credito si appresta a sottoporre all’assemblea del prossimo 7 maggio. Nel 2020 erogati 180mila euro di contributi al territorio con un rilevante sostegno alla sanità locale

La sede di Banca di Cherasco

La sede di Banca di Cherasco

Un traguardo lusinghiero, quello dei 15mila soci, che la Banca di Credito Cooperativo di Cherasco ha raggiunto e superato negli ultimi mesi, mentre si appresta ad aprire la terza filiale a Torino.
"Una dimostrazione della fiducia riposta dalla clientela e del buon servizio offerto al territorio", spiega l’istituto in una nota, ricordando l’inaugurazione della sua seconda filiale torinese, in via Nicomede Bianchi, avvenuta nello scorso novembre, e la prossima apertura di una nuova e terza agenzia nel quartiere Crocetta.

Banca di Cherasco si appresta intanto a tenere la sua annuale assemblea ordinaria che, come già l’anno scorso, per le ben note limitazioni legate all’emergenza sanitaria, non prevederà la presenza fisica dei soci. Fissata in seconda convocazione per il 7 maggio, l’assemblea sarà chiamata a votare un bilancio che – si legge nel comunicato – "testimonia un istituto solido, con un utile di oltre 2 milioni di euro e un aumento delle masse amministrate del 6,26%". Il bilancio mostrerà "un ulteriore rafforzamento della solidità patrimoniale, con il Cet 1 Capital Ratio salito al 15,07% e il raggiungimento del 17,20% del Total Capital Ratio".

Nel corso del 2020, la Banca di Cherasco ha erogato oltre 180mila euro di contributi sul territorio, impegnandosi, in particolare, a sostenere le prime azioni del nuovo ospedale di Verduno con una donazione di 50mila euro a sostegno del mantenimento di medici e infermieri chiamati in forze per l’apertura del nosocomio in risposta all’emergenza sanitaria. La Bcc cheraschese è stata inoltre il primo soggetto a rispondere all’appello della Fondazione Nuovo Ospedale a supporto di nuovi medici specializzandi, facendosi carico di una borsa di studio di cinque anni destinata a una dottoressa che attualmente già opera in ospedale, nel reparto di Pediatria.

“L’anno trascorso ha messo in risalto l’importanza delle banche di credito cooperativo sul territorio”, spiega il presidente di Banca di Cherasco, Giovanni Claudio Olivero. “Dall’avvio dell’emergenza sanitaria abbiamo messo in campo tutte le nostre forze per sostenere le imprese e i privati, in questi momenti di difficoltà, e per rispondere a tutte le esigenze. Le nostre filiali non sono mai state chiuse al pubblico e hanno dimostrato la consueta disponibilità verso la clientela. Col supporto alle attività della Fondazione Nuovo Ospedale abbiamo voluto dare un aiuto concreto all’emergenza che il nostro territorio, come tutta Italia, ha vissuto nell’ultimo anno”.

“Abbiamo concluso il 2020 con risultati molto positivi e con la certezza di aver sostenuto al meglio il nostro territorio, che va dal Cuneese al Torinese e Genovese. Il primo trimestre 2021 ha registrato ottimi numeri e, con l’apertura delle due nuove filiali a Torino, stiamo rafforzando la nostra presenza in una zona che risulta ancora in deficit di banche territoriali che sappiano rispondere con immediatezza e disponibilità alle nuove esigenze della clientela. Una vera soddisfazione aver superato la quota dei 15mila soci: ogni giorno nuovi clienti si affidano a noi ed entrano a far parte della nostra compagine sociale, dandoci prova della fiducia che ripongono nella nostra Banca”,
dichiara il direttore generale Pier Paolo Ravera.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium