/ Attualità

Attualità | 19 aprile 2021, 18:15

Distretti del commercio in Granda: Scarnafigi capofila delle "terre di mezzo"

Riccardo Ghigo: "Abbiamo voluto presentare un nostro progetto che fosse specifico e rivolto alle esigenze di questo territorio, fatto da comuni per lo più medio-piccoli, per salvaguardare la presenza commerciale, combattere la desertificazione e valorizzare il ruolo degli esercizi di paese"

Distretti del commercio in Granda: Scarnafigi capofila delle "terre di mezzo"

I diciassette Comuni della rete dell’Associazione Octavia hanno aderito al bando regionale dei distretti del commercio. Scarnafigi, in qualità di capofila, è supportata dunque dai Comuni di Cardè, Casalgrasso, Cavallerleone, Faule, Manta, Monasterolo di Savigliano, Moretta, Murello, Lagnasco, Polonghera, Revello, Ruffia, Torre San Giorgio, Villafalletto, Villanova Solaro e Vottignasco.

Il territorio delle Terre di Mezzo, che si estende ora per oltre 305 kmq e comprende più di 28.000 abitanti, ha avviato da tempo un percorso di collaborazione su più fronti, partendo da quello culturale, turistico e di valorizzazione del territorio. Il progetto, che è stato presentato, va nell'ottica di rafforzare ulteriormente la collaborazione coinvolgendo anche gli operatori del commercio e puntando a risolvere le criticità che i piccoli comuni stanno attraversando, con il rischio della desertificazione e della carenza di servizi essenziali per la popolazione.

«Abbiamo voluto presentare un nostro progetto che fosse specifico e rivolto alle esigenze di questo territorio, fatto da comuni per lo più medio-piccoli, per salvaguardare la presenza commerciale, combattere la desertificazione e valorizzare il ruolo degli esercizi di paese, per la loro funzione, oltre che economica, anche sociale e di mantenimento dell’identità di questi territori» commenta Riccardo Ghigo, presidente dell’Associazione Octavia e Sindaco del Comune Capofila Scarnafigi.

Il progetto è portato avanti di pari passo con un'attività in corso di realizzazione di creazione del marchio territoriale Terre di mezzo, attraverso un lavoro di coinvolgimento delle aziende e operatori del territorio che certifichi la qualità e la dimensione identitaria dei prodotti e delle attività presenti nell'area, dove il commercio rappresenta l'anello di congiunzione per la promozione e la proposta al pubblico dei prodotti delle Terre di Mezzo.

L’iniziativa promossa dai Comuni della rete Octavia è sostenuta dalle ASCOM territorialmente competenti di Saluzzo e Savigliano.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium